Crede di comprare uno stock di 500 lire d’argento a prezzo stracciato, invece è una truffa
Novellarese bidonato da piemontese

7/8/2020 – La fantasia dei truffatori è inesauribile, e il mondo virtuale è oggi il loro terreno preferito.

Un bidonista piemontese ha succhiato 150 euro (più per la spedizione mai avvenuta) a un signore di 59 anni della bassa reggiana, promettendo in cambio la vendita di uno stock di 32 monete da 500 lire d’argento. Il cliente, attirato dall’annuncio piazzato sui principali siti specializzati, ha intavolato una trattativa via WhatsApp sino a concluderla col pagamento in anticipo, convinto di aver fatto un grosso affare, considerato il prezzo largamente inferiore alle quotazione correnti delle famose monete d’argento con le caravelle di Colombo.

Le 500 lire d’argento con le bandierine al contrario: sono rarissime

Una volta incassato il danaro delle “vendite fantasma” comprensivi dei costi di spedizione, il filibustiere spariva nel nulla. E nella rete di questo specialista delle e-truffe è caduto anche il 59enne del reggiano che, quando si è reso conto del raggiro, si è rivolto ai Carabinieri di Novellara. Dopo una serie di riscontri tra l’utenza telefonica dove veniva intavolata la trattativa e la carta ricaricabile dove erano stati versati i soldi, i militari sono arrivati a un 36enne di Alessandria, ora denunciato alla Procura per il reato di truffa.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.