Villa Sesso: il parco dei Martiri ancora invaso dai liquami
Scenario da quarto mondo: la Lega annuncia battaglia in consiglio comunale

10/7/2020 – A distanza di quasi una settimana dalla tracimazione delle fogne, che sono letteralmente scoppiate, la situazione resta critica nel parco dedicato ai Martiri di Villa Sesso. La Lega di Reggio emilia, che denuncia il caso di giorni, avverte la Giuntac he se in queste ore non sarà posto rimedio al disastro, solleverà la questione nel consiglio comunale di lunedì.

Il parco di Villa Sesso invaso dai liquami

“I cittadini sono costretti a convivere con una situazione disastrosa al limite della sostenibilità – denuncia il capogruppo Matteo Melato – Persistono ancora odori nauseabondi e i cittadini sono costretti a tenere le finestre chiuse nonostante caldo afoso. Animali e topi morti, oltre gli odori, assediano la zona e rendono anche il parco inutilizzabile“.

Il parco dei Martiri di Villa Sesso è ridotto così

Non solo: i tecnici, riferisce Melato “hanno solo fatto un sopralluogo aprendo un tombino e riuscendo a far defluire l’acqua paludosa in un tratto di parco. Ma ora il tombino è rimasto aperto senza alcuna segnalazione e chiunque può caderci dentro. Una gestione dilettantesca da parte di questa amministrazione. Se la situazione non sarà risolta ad andare a domenica, lunedì porteremo il caso in consiglio comunale perchè i cittadini non possono convivere ancora con una situazione potenzialmente pericolosa come questa”.

Fra l’altro gli abitanti di Villa Sesso denunciano una progettazione sbagliata dell’intera area verde “con tombini posti più in alto rispetto al livello del parco: chi pagherà per tutto questo?”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *