Via Paradisi , assemblea del popolo maltrattato
Mega progetto edilizio con espropri “senza ascoltare i cittadini”

2/7/2020 – Lo scorso 17 giugno si è ufficialmente costituito il comitato spontaneo “Abitanti di via Paradisi Reggio Emilia” che si prefigge come scopo quello di invitare al dialogo e alla partecipazione riguardo il progetto del Comune di Reggio Emilia “902 Abitare Solidale“. Progetto che, senza ascoltare i cittadini residenti e i proprietari, prevede l’esproprio per cifre irrisorie, visto il crollo dei prezzi immobiliari nella zona stazione, e in ultima analisi il trasferimento forzato di persone rimaste senza casa.
La prima azione del Comitato è la convocazione di una assemblea pubblica, oggi giovedì 2 luglio alle 18.30, aperta agli abitanti del quartiere, alle associazioni che operano in zona, e alla cittadinanza tutta, per “dialogare e confrontarsi sul progetto del Comune di Reggio Emilia “902 Abitare Solidale”.

Assemblea con distanziamento dei residenti di via Paradisi

Un progetto – sottolinea il Comitato – “per il quale è mancata una pubblica consultazione dei portatori di interesse, e uno scambio pubblico tra le persone coinvolte. Il comitato crede che il progetto interessi in primis gli abitanti del quartiere, ma in generale i cittadini reggiani perché si tratta di un ingente investimento di fondi pubblici in cui le decisioni non sono state condivise a monte”.

L’obiettivo è attivare un processo di scambio di opinioni e riflessione collettiva, che il Comitato reputa “essenziale per superare le incomprensioni generate da scambi a porte chiuse e dichiarazioni mediatiche, che portano a creare fazioni e divisioni tra i soggetti coinvolti”.

L’area interessata al progetto Abitare Solidale

Il comitato “crede che la riqualificazione di un quartiere debba partire dalle persone e dall’ascolto delle loro istanze, non possa prevedere scelte calate dall’alto e scarso rispetto delle individualità e delle minoranze. Crediamo che un processo di riqualificazione debba essere inclusivo e debba valorizzare le realtà che tengono al proprio quartiere”.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Claudia Piccinini Rispondi

    26/07/2020 alle 15:04

    Il potere dell’esproprio è una spada di Damocle che pende su ognuno di noi,una vile forma di ricatto che le autorità locali o statali possono esercitare sui contribuenti in nome di pretesti di supposta pubblica utilità. Al comitato di protesta tutta la mia solidarietà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.