Tunisino accoltellato all’addome soccorso in zona Mirabello
Seconda aggressione armata in sei giorni a Reggio

24/7/2020 – Un tunisino di 31 anni è stato soccorso questa mattina in via Terrachini per due vistose ferite da arma da taglio all’addome. E’ ricoverato, ma non sarebbe in pericolo di vita. Fervono le indagini per ricostruire i fatti e individuare gli aggressori: sembra che l’accoltellamento sia avvenuto in via Agosti (così ha detto il ferito) vale a dire in zona ex-Reggiane, dove pullulano spacciatori e piccoli delinquenti.

Il tunisino, Z.A., incensurato e regolare in Italia, è arrivato in bicicletta in zona Mirabello, davanti al bar all’incrocio con via Matteotti, e si è accasciato al suolo. Subito soccorso, era visibilmente ubriaco, ed è riuscito a farfugliare che lo avevano accoltellato in via Agosti.

Sul posto sono intervenuti la Squadra Volante della polizia e il personale del 118 che, dopo aver praticato un primissimo intervento, ha trasportato il ferito al Pronto soccorso del Santa Maria Nuova.

LEGA : DUE ACCOLTELLAMENTI IN UNA SETTIMANA, INCOMPRENSIBILE SILENZIO DEL SINDACO VECCHI

Sabato scorso un uomo accoltellato in Via Emilia San Pietro, oggi un altro accoltellamento si verifica in zona Mirabello, dove un uomo ferito crolla a terra davanti a un Bar di Via Terracchini.
Episodi molto preoccupanti, che denotano un grave problema di sicurezza in città.
Quando eravamo noi della Lega a denunciarlo ci dicevano che lo facevamo solamente per “cavalcare l’onda della paura della gente”e che Reggio era una città più che sicura.
Affermazioni più che mai smentite dai fatti. Gli episodi di cronaca nella nostra città sono all’ ordine del giorno, da spaccio, a risse, furti, e ora persino accoltellamenti alla luce del sole.
Altrettanto preoccupante è il persistente silenzio del primo cittadino Luca Vecchi davanti ad episodi molto gravi che minano la sicurezza dei cittadini reggiani.
Ci aspettiamo una presa di posizione forte sia nei modi che nei toni da parte dell’amministrazione comunale per arginare un problema di insicurezza diffusa nella nostra città.
(Gruppo consiliare Lega-Salvini Premier Reggio Emilia)

EBOLI (FDI): IL SINDACO CHIEDA RIUNIONE TAVOLO SICUREZZA

“La notizia del giovane tunisino che si è accasciato a terra in Via Terrachini, a causa di una ferita all’addome procurata da arma da taglio, oltre a meritare scrupolosi accertamenti, da parte delle forze dell’ordine, riporta alla ribalta un tema dolente al quale il Sindaco Vecchi non sta dando la necessaria attenzione, ossia quello di una diffusa violenza. In passato frequenti risse e accoltellamenti ai Giardini pubblici, in Via Roma, in via Turri, solo per citare alcune zone calde della città. Fratelli d’Italia chiede al Sindaco Vecchi di affrontare il problema e portarlo alla discussione del tavolo per l’ordine e la sicurezza, presieduto dal Prefetto al quale partecipano Questore, Comandante Provinciale dei Carabinieri e della Finanza,affinché possa essere definita una linea di azione condivisa di prevenzione e contrasto al dilagare della violenza in città”. (Marco Eboli, portavoce Fratelli d’Italia Comune di Reggio)

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Susanna Rispondi

    25/07/2020 alle 16:39

    “gangs of London” 😇😇😇

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.