Processo Grimilde
Chiesti 264 anni di carcere per il clan dei Grande Aracri di Brescello
Venti anni per Salvatore nipote di Nicolino G.A. Quindici e 10 mesi per Caruso, ex presidente consiglio comunale di Piacenza

30/7/2020 – Complessivamente 264 anni di reclusione in abbreviato per 47 persone, con pene fino a 20 anni. Sono le richieste di condanna formulate – nell’aula bunker del carcere bolognese della Dozza – dalla pm della Dda, Beatrice Ronchi al termine della requisitoria nel processo ‘Grimilde’ contro la ‘ndrangheta reggiana e che riguarda in particolare “le vicende riconducibili alla famiglia Grande Aracri di Brescello, le cui attività illecite, radicate nel campo economico e non solo, si sono snodate per più di un decennio” per usare le parole scritte nell’ordinanza dal gip Alberto Ziroldi.

Sono 20 gli anni richiesti per Salvatore Grande Aracri (oltre alla confisca di quanto già sequestrato) – figlio di Francesco, fratello di Nicolino boss della cosca di Cutro, attualmente all’ergastolo – accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso e la sorella Rosita (chiesti per lei 3 anni e 6 mesi).

Per Giuseppe Caruso – ex presidente del Consiglio Comunale di Piacenza tra le fila di Fratelli d’Italia nonché all’epoca dei fatti contestati funzionario dell’Agenzia delle Dogane, ruolo col quale avrebbe aiutato la criminalità organizzata – chiesti 15 anni e 10 mesi.


    Pene severe richieste anche per Claudio Bologna (15 anni) e Francesco Muto classe ’67 (14 anni e 6 mesi), Domenico Spagnolo e Giuseppe Strangio (per entrambi 14 anni e 4 mesi) ritenuti fedeli esponenti dei Grande Aracri

(font: ansa.it)

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *