Movida e Covid: via ai supervisori del mojito
Per la Lega sono “inutili e dannosi”

9/7/2020 – Da domani entrano in funzione a Reggio i “supervisori” del moijto, incaricati dal Comune di Reggio di vigilare sul rispetto delle norme anti-Covid nelle ore della movida . Si nutrono notevoli nubbi sulla legittimità di tale figura (fra l’altro: come sono stati scelti questi controllori? Chi li ha formati? Sono incaricati di pubblico servizio?), del resto sepolta da una valanga di critiche quando a proporla era stato il governo. Oggi il gruppo della Lega in sala del Tricolore dichiara il proprio “stupore” per aver appreso dalla stampa dell’avvio in fretta e furia “di un progetto sperimentale che vedrà coinvolti i cosiddetti “supervisori dell’Intrattenimento“, ovvero degli addetti pubblici che avranno il compito di vigilare sul rispetto delle misure anticovid”.                                        Si tratta “di un progetto fortemente voluto dalla Giunta e dal Sindaco Vecchi, lo stesso sindaco che solo un mese fa si dichiarava fermamente contrario agli assistenti civici nelle piazze”.

A che cosa è dovuto questo radicale cambiamento di opinione in merito a queste figure? – chiedono i consiglieri della Lega – “Noi riteniamo questi nuovi addetti completamente inutili, inadatti al contesto e senza alcuna possibilità di portare benefici concreti. I “supervisori dell’intrattenimento” sono individui privi di alcun potere e strumento per vigilare e sanzionare chi non rispetta le misure anticovid. Non potranno dare multe o imporre alcunchè, l’unica cosa che potranno fare è fornire indicazioni e redarguire gli eventuali trasgressori, ma nulla di più”.

“Se si voleva veramente controllare e sanzionare in modo più rigoroso i comportamenti scorretti nei giorni della “movida” – conclude il gruppo – bastava dare più strumenti e potere alla Polizia Municipale, l’unico vero organo locale che dovrebbe svolgere questo servizio.”

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.