Escalation dei pestaggi in famiglia
Straniero denunciato a Scandiano,
moglie e figlia in struttura protetta

1/7/2020 – Pestaggi, insulti, agguati, danneggiamenti, minacce di morte: i maltrattamenti in famiglia hanno assunto nel reggiano una dimensione senza precedenti per ampiezza e anche crudeltà. Non passa giorno che un uomo non venga arrestato o denunciato.

Non più tardi di lunedì i Carabinieri di Scandiano sono intervenuti in una famiglia di immigrati del comprensorio ceramico, e lì hanno scoperto una situazione definita dai “contenuti primordiali”. Un operaio straniero di 47 anni, completamente ubriaco, ha pestato selvaggiamente moglie e figlia, mandandole all’ospedale dove sono state trattenute in osservazione, per poi essere collocate in una struttura protetta con l’intervento dei servizi sociali. L’uomo è stato denunciato alla Procura per maltrattamenti in famiglia, ma è in circolazione libero evidetemente di ubriacarsi come gli pare.

L’altro ieri pomeriggio i militari della Tenenza di Scandiano, su input dell’operatore in servizio al 112 allertato da un cittadino, hanno trovato in in strada una donna in lacrime insieme alla dfiglioletta. La donna non parlava italiano per cui è stata la bambina, con la voce rotta dal pianto, a riferire di essere state entrambe picchiate dal padre.

Dopo aver assicurato i soccorsi alle due donne attraverso il 118, i carabinieri scandianesi sono andati nell’abitazione vicina e hanno rintracciato l’uomo “in evidente stato d’ebbrezza”: non si sa con quali scuse avesse picchiato moglie e figlia, ma a quanto pare questo è stato solo l’ultimo episodio di violenza. In attesa di sentire nel dettaglio la donna, l’uomo è stato denunciato a piede libero.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.