Edilizia pubblica, Catellani (Lega): “Regione destini quote di alloggi agli over 65”

14/7/2020 – “Poiché i dati demografici ci presentano una popolazione regionale che continua ad invecchiare, in particolare la popolazione dei “grandi anziani”, rappresentata dalle persone con più di 75 anni (560.835 persone), incide per il 12,6% sul totale dei residenti, ovvero oltre una persona su dieci, e poiché la recente pandemia Covid-19 ha dimostrato la fragilità del sistema regionale di assistenza agli anziani, la Regione, in attesa di una modifica organica della legge regionale sull’edilizia pubblica, raccolga l’eventuale disponibilità di amministrazioni comunali interessate a sperimentare soluzioni abitative con caratteristiche specifiche rispetto alle esigenze di socialità e di necessità socio-assistenziali connesse all’età avanzata”. 

E’ quanto chiede Maura Catellani, consigliere regionale della Lega E-R, in una Risoluzione che impegna la Giunta di viale Aldo Moro ad effettuare “un sondaggio” fra le amministrazioni, in attesa di una modifica organica della legge regionale sull’edilizia pubblica che possa prevedere l’introduzione di “quote riservate di alloggi” per “anziani” e “grandi anziani”.

Secondo la leghista, visto quanto e’ successo a causa del coronavirus, e’ necessario “ripensare i servizi socio-assistenziali rivolti agli anziani”, sperimentando “nuovi modelli di residenzialita’ che facilitino il mantenimento di un’alta qualita’ di vita per gli anziani, soddisfacendo al contempo una loro esigenza di autonomia e socialita’”.

Catellani propone quindi di “inserire una riserva di appartamenti appositamente riammodernati all’interno di stabili dedicati, esclusi dalle graduatorie generali e assegnati sulla base di apposita graduatoria riservata a over 65 e over 75”.

Questi edifici dovranno essere senza barriere architettoniche, suddivisi in mini-appartamenti, con aree comuni come giardini, lavanderia e biblioteca, con servizi socio-sanitari di assistenza e portierato sociale. La leghista esorta quindi la Regione a modificare la legge sull’edilizia residenziale pubblica e a raccogliere la disponibilita’ dei Comuni a sperimentare questa soluzione.

Condividi

Una risposta a 1

  1. Michele Beretti Rispondi

    14/07/2020 alle 18:05

    L’Avvocato Catellani solleva un tema rilevante, del tutto reale e non ideologico. La politica deve essere capace di dare risposte a situazioni di concreta emergenza e reale bisogno, per le fasce di popolazione effettivamente bisognose e meritevoli di tutele aggiuntive. Con tutto il rispetto per persone immigrate e di diverso orientamento sessuale, diamo valore a chi con tanti sacrifici materiali e immateriali ha determinato il nostro passato, consentito il nostro presente e quindi preserva il nostro futuro. Priorità alla tutela di bambini e anziani, la politica trovi vere soluzioni a bisogni reali e concreti, piuttosto che soluzioni studiate a tavolino per far fronte a psuedo esigenze, ovvero pretese, di tipo ideologico senza alcun fondamento meritevole di tutela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *