Dopo Aemilia e Octopus, altri guai per l’imprenditore Omar Costi : sequestri per 1,7 mln

18/7/2020 – Ancora guai per l’imprenditore Omar Costi, 46 anni, già condannato a 13 anni e 9 mesi nel primo grado del processo Aemilia contro la ndrangheta reggiana del clan Grande Aracri e la sua vasta rete. e imputato di primo  piano nel processo Octopus su un giro colossale di finanza illegale ed estorsioni.
Nei confronti di Costi e altri due  reggiani di 38 anni e 64 anni (ma questi ultimi in un ruolo ritenuto secondario dagli inquirenti) la Guardia d Finanza ha operato il sequestro preventivo di beni per 1,7 milioni d euro,  ordinato dal tribunale di Reggio su richiesta del sostituto procuratore Giacomo Forte, nell’ambito di un procedimento per frode fiscale e riciclaggio.


E’ l’operazione Fuori Tutto condotta dalle Fiamme Gialle che hanno scoperto l’emissione di fatture per operazioni  inesistenti ed evasione fiscale nella gestione di una società reggiana di ingrosso elettrodomestici ed elettronica di consumo formalmente attiva sino al 2014. Questa società cartiera sino al 2016 avrebbe emesso fatture false per 10,7 milioni di euro nei confronti 35 aziende (tutte sottoposte a indagini) tra le province di Reggio Emikia, Milano e Ravenna. appropriandosi dei proventi illeciti ricavati in tale modo. Proventi che dai conti correnti della “cartiera” venivano riciclati  sui conti esteri intestati a una impresa slovacca.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.