Covid, la Regione corregge l’errore commesso ai danni di Reggio sul numero dei contagiati

9/7/2020Tarde non furon mai grazie divine, scrisse il Machiavelli in esilio all’amico Francesco Vettori, ripetendo il Petrarca. E oggi noi possiamo citare opportunamente il filosofo del Principe a proposito della correzione apportata ai dati sui contagi totali di Reggio Emilia. Dopo settimane di sottolineature, richiami e denunce da parte del vostro Reggio Report, la Regione ha ceduto le armi e ha sottratto ben 16 casi dal totale della provincia di Reggio Emilia: quindici perchè conteggiati due volte, e uno perchè “restituito” a Cesena. Ecco cosa scrive oggi il bollettino quotidiano della Regione:

In seguito a un’ulteriore verifica dei dati, sono stati eliminati 16 casi da Reggio Emilia, in quanto 15 erano inserimenti doppi e uno frutto di un’errata attribuzione di Ausl. Quest’ultimo caso è stato correttamente attribuito a Cesena (Ausl della Romagna). Le correzioni sono state effettuate sui dati comunicati ieri.

Insomma, Reggio Report aveva ragione. Il risultato evidente è che ora, anche per l’assessorato alla Sanità, è Bologna l’area col maggior numero di contagi in Emilia-Romagna. Una verità che per molto tempo i dati della Regione avevano taciuto.

Non che ora i conti tornino alla perfezione: in base al nuovo conteggio oggi la Regione attribuisce a Reggio un totale di 5.000 casi di contagio da inizio epidemia. Sono ancora 11 in più rispetto ai dati dell’Ausl. Però la correzione non è da poco.

Oggi dunque nell’area di Bologna la Regione segnala 5.015 casi totali. Restano cospicue differenze con gli aggiornamenti del Dipartimento della Protezione Civile, secondo cui Reggio Emilia ha un totale di 4.919 casi (89 in meno) e Bologna 5.335 (ben 320 in più rispetto al dato regionale). Prima poi anche questo giallo dovrà essere risolto.

Intanto anche oggi non si registrano decessi, e un solo tampone positivo in provincia di Reggio Emilia. Continua a calare il numero dei ricoverati (31, non gravi) e delle persone in isolamento domiciliare (155). Anche nel resto della regione non si registrano altri morti per Covid, mentre sono in totale 27 i nuovi positivi, quasi interamente attribuibili ai focolai di Bologna (+16 positivi rispetto a ieri) e di Parma (+8), dove negli ultimi giorni il coronavirus ha colpito 42 lavoratori della Parmovo di Colorno.

IL RESOCONTO DELL’ AUSL DI REGGIO DEL 10 LUGLIO


NUOVI CASI TOTALE
TAMPONI POSITIVI 1 a Reggio E. 4989
TERAPIA INTENSIVA
0
ISOLAMENTO DOMICILIARE 1 155
RICOVERO NON INTENSIVA
31
GUARITI CLINICAMENTE TOTALI 61
GUARITI CON DOPPIO TAMPONE NEGATIVO
4277

IL BOLLETTINO DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA DEL 10 LUGLIO

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 28.769 casi di positività29 in più rispetto a ieri, di cui 17 persone asintomatiche individuate nell’ambito del contact tracing e dell’attività di screening regionale a seguito di test sierologici.  Dodici sintomatici (1 a Parma, 1 a Reggio, 1 a Modena, 8 Bologna e 1 a Rimini), per la maggior parte riconducibili a focolai o a casi già noti.

Nessun nuovo decesso in regione: il numero totale resta quindi 4.269.

nuovi tamponi effettuati sono 5.343, che raggiungono così complessivamente quota 536.432, a cui si aggiungono altri 1.485 test sierologici (per un totale di 167.293).

Le nuove guarigioni sono 34, per un totale di 23.434, l’81,4% dei contagiati da inizio crisi. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 1.066 (5 in meno di ieri).

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Le persone in isolamento a casa, cioè quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 960, 2 in meno rispetto a ieri, il 90% di quelle malate. I pazienti in terapia intensiva sono 10 (come ieri), quelli ricoverati negli altri reparti Covid sono 96 (3 in meno).

Le persone complessivamente guarite salgono quindi a 23.434 (+34 rispetto a ieri): 231 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 23.203 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

Questi i nuovi casi di positività sul territorio, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 4.562 a Piacenza (+2), 3.708 a Parma (+8, di cui 1 sintomatico), 5.000 a Reggio Emilia (+1, sintomatico), 3.978 a Modena (+1, sintomatico), 5.015 a Bologna (+16, di cui 8 sintomatici); 404 a Imola (invariato), 1.031 a Ferrara (invariato); 1.080 a Ravenna (invariato), 963 a Forlì (invariato), 813 a Cesena (invariato) e 2.215 a Rimini (+1, sintomatico).

In seguito a un’ulteriore verifica dei dati, sono stati eliminati 16 casi da Reggio Emilia, in quanto 15 erano inserimenti doppi e uno frutto di un’errata attribuzione di Ausl. Quest’ultimo caso è stato correttamente attribuito a Cesena (Ausl della Romagna). Le correzioni sono state effettuate sui dati comunicati ieri.

LA CLASSIFICA DEL CONTAGIO IN ITALIA – DIPARTIMENTO PROTEZIONE CIVILE

La classifica del contagio per provincia (dipartimento Protezione Civile)
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *