“Taglio la gola a qualche italiano”
Ladro di biciclette pakistano parla come un terrorista: condannato ed espulso

Io taglio la gola a qualche italiano, farò vedere scorrere il sangue … se avessi un fucile sparerei a tutti … ho il camion, andrò addosso alla folla … ucciderò tutti” . Con queste e altre gentilezze del genere, capaci di evocare gli orrori del terrorismo islamico, il cittadino pakistano Wakas SARWAR, 31 anni, clandestino in Italia, aveva apostrofato i carabinieri di Novellara quando il 25 maggio lo avevano arrestato per resistenza, minacce e per il furto di una mountain bike, appoggiata proprio all’esterno della caserma. Quel signore, evidentemente, ha in odio l’Italia e gli italiani. E infatti questa mattina, dopo il processo, ha trovato ad attenderlo i Carabinieri di Novellara per l’esecuzione di un’espulsione del resto già decretata 3 anni fa.

Arrestato il 25 maggio scorso per i reati di resistenza, minacce e il furto di una bicicletta tipo Mountain Bike, rubata all’esterno della caserma dei carabinieri di Novellara, era andato in escandescenza proferendo gravi minacce. Per non farsi portare dentro, il pakistano aveva fatto la malora sia al momento dell’arresto, sia durante la seduta di foto segnalamento: “Vi ammazzo – continava a ripetere – Se avessi un fucile vi sparerei… taglio la gola a tutti”. In un momento di maggiore tranquillità, aveva confidato al comandante della stazione: “Maresciallo, io non voglio uccidere un italiano ma sono sicuro che arriverò a farlo se non mi mandate via…”

Dopo l’arresto è stato sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria sino ad oggi, giorno del processo. Ha patteggiato la pena, però non è tornato a casa. Ad attenderlo, come detto, i carabinieri della stazione di Novellara che hanno eseguito un provvedimento di espulsione emesso dal Questore di Reggio Emilia il 30 maggio 2017, e rinnovato il 27 maggio scorso a seguito dell’arresto. Condotto in questura per le formalità di rito, da li è stato accompagnato a un centro di permanenza, per essere poi imbarcato su un volo con destinazione Karachi.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.