Reggio città della musica, atelier di artisti, concerto di Capodanno
Le proposte Far per il rilancio

2/6/2020 – La Far-Studium Regiense, l’istituzione culturale reggiana che con i Caffè del Giovedì e i concerti in San Filippo anima da anni il centro di Reggio Emilia, ha deciso di istituire un riconoscimento pubblico da assegnare ogni anno a una personalità reggiana che si sia distinta nel settore dell’arte, della scienza e della cultura. La Far inoltre conferma il concorso indetto congiuntamente al Resto del Carlino per una ricerca storica su Rosa Manganelli, la donna che mise in moto la rivoluzione reggiana del 1796.


Un concerto in San Filippo

Sono alcune delle decisioni assunte dal consiglio di amministrazione della fondazione presieduta da Carlo Baldi, che ha preso atto del rinvio di tutte le iniziative a causa della pandemia, rinvio mitigato in parte da un sistema di collegamento periodico attraverso Webex, con la gran parte degli associati muniti di computer.

Il vicepresidente della Far Erio Reverberi e il presidente Carlo Baldi

Sul tavolo del consiglio il rilancio della città “attraverso progetti precisi e celeri, pur rispettando le cautele per salvaguardare la salute umana”. Perchè Reggio, come tutte le città – sottolinea la Far – “ha una sua storia che va risvegliata e valorizzata, per far sì che essa non sia solo un complesso di immobili, ma un corpo che vive, che discute, che si confronta e che attrae.”

Da tale considerazione nasce un pacchetto di proposto nel campo specifico culturale, da attuare in accordo col Comune. Eccole:

  • Iniziativa “alla scoperta di illustri reggiani”, tesa a valorizzare , ai fini turistico- culturali, la città ed il suo centro storico.

Essa consiste nella progettazione ed istallazione di targhe , studiate esteticamente con apposito pubblico concorso, le quali mettano in evidenza le abitazioni che hanno visto convivere o soggiornare personaggi illustri nel campo della cultura, della scienza e dell’arte, realizzando anche un specifico percorso turistico. A tale fine verranno designate due commissioni: una per elaborare una bozza di proposta con l’elenco delle personalità più significative da evidenziare ed il testo da indicare nella targa; l’altra per scegliere il progetto che sarà ritenuto migliore nel concorso pubblico che verrà indetto. Al il progetto vincitore sarà riconosciuto un premio.

  • Un progetto per la realizzazione annuale di una manifestazione in costume di evocazione di un evento storico significativo.
  • Far diventare Reggio città della musica, con concerti in diversi locali della città, valorizzando i giovani del Conservatorio A. Peri
  • In accordo con il Teatro Valli e l’Istituto Peri , organizzare annualmente , in occasione del 1° gennaio, un Concerto di Capodanno pomeridiano nel Teatro stesso , in modo da ricuperare l’orgoglio della città.
  • Organizzare una rete di atelier di artisti
  • Riportare in centro storico un teatro ed un museo di burattini e marionette
  • Indire un concorso annuale per l’abbellimento floreale della città, secondo un programma di sensibilizzazione di tutti i cittadini e trasformando gradualmente Reggio in città fiorita.
  • Valorizzare centri culturali e di dibattito

Il Consiglio, come detto, ha infine riconfermato il concorso su Rosa Manganelli e ha deliberato l’istituzione di un premio annuale a una personalità reggiana della cultura, dell’arte e della scienza.

  • Sviluppare un centro di alta cultura, riattivando l’Istituto Banfi di filosofia.
La sala dell’Oratorio delòla Trinità, sede della Far-Studium regiense
Condividi

Una risposta a 1

  1. Carlo baldi Rispondi

    02/06/2020 alle 14:19

    Grazie. Resoconto splendido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *