Poviglio: padre disperato decide di farla finita, salvato dai Carabinieri

5/6/2020 – In un momento di forte stato depressivo aveva deciso di farla finita ingerendo un anticrittogamico. Ma prima del gesto fatale ha telefonato 112 dei carabinieri di Reggio Emilia. L’operatore di turno individuata la chiamata proveniente dalla bassa reggiana ha passato la segnalazione alla centrale operativa della compagnia di Guastalla che ha immediatamente chiamato l’uomo, un operaio di 47 anni.

Rimanendo in contatto telefonico con l’uomo, l’operatore ha anche allertato la pattuglia dei carabinieri di Gattatico dirottata in zona Poviglio al fine di rintracciare l’aspirante suicida. E’ quindi iniziata una lunga telefonata nel corso del quale l’uomo, con la voce rotta dal pianto, confermava la volontà di voler togliersi la vita e che nessuno avrebbe potuto fermarlo in quanto aveva il veleno con sè. L’operatore cercava di tranquillizzarlo e di farlo sfogare apprendendo che i motivi del gesto erano da ricondurre al fatto che l’uomo si sentiva inutile come padre e per questo aveva maturato tale decisione. Rincuorato dalla parole dell’operatore, l’uomo ha rivelato che si trovava in una certa azienda di Poviglio.

I componenti della pattuglia di Gattatico che sentivano la telefonata, messa in viva voce, si precipitavano sul posto dove infatti hanno trovtol’uomo, che si è lasciato soccorrere. Accanto a lui una bottiglia di veleno agricolo. Il padre disperato è stato quindi affidato ai sanitari del 118 che lo hano portato all’ospedaleper i controlli del caso.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.