Ndrangheta, confiscati ai fratelli Sarcone beni per 13 milioni di euro

17/6/2020 – Nell’ambito di un’attività congiunta eseguita dalla DIA di Firenze e dai Carabinieri di Modena, con la collaborazione della Sezione Operativa DIA di Bologna e dei Carabinieri di Reggio Emilia e Crotone, e sotto il coordinamento e l’impulso della Procura distrettuale di Bologna, sono stati confiscati beni per un valore di 13 milioni di euro esponenti di primo piano della ‘ndrangheta in Emilia Romagna.

Nicolino Sasrcone

Il decreto, emanato dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Emilia, su proposta del Direttore della DIA, segue a un’operazione dei carabinieri di Modena nel contesto di Aemilia. Ha colpito i fratelli cutresi Nicolino, Gianluigi e Carmine SARCONE (residenti a Bibbiano ma attualmente detenuti quali esponenti di vertice della ndrangheta reggiana collegata al clan Grande Aracri di Cutro) e Giuseppe SARCONE GRANDE, residente a Reggio Emilia. Ha disposto inoltre nei loro confronti” la misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza, per un periodo di cinque anni”. 

I beni sottoposti a confisca sono nelle province di Reggio Emilia, Modena, Parma, Perugia e Crotone, sono costituiti da “oltre 40 immobili (terreni e fabbricati), numerosi autoveicoli, intestati a persone fisiche e giuridiche, consistenti disponibilità finanziarie, quote societarie e compendi aziendali, nonché imprese estere e conti bancari ubicati in Bulgaria e Romania, per i quali è stato attivato il collaterale canale di cooperazione giudiziaria in materia penale”.

Gianluigi Sarcone

Il provvedimento scaturisce sia dagli esiti di un’attività investigativa del Centro Operativo DIA di Firenze, che nel 2014 aveva consentito di sequestrare in via d’urgenza i beni dei Sarcone, sia dallo sviluppo, da parte dei Carabinieri di Modena, delle risultanze della indagine e del processo “AEMILIA” con la sentenza che ha comminato 1.300 anni di carcere a 120 condannati per associazione di stampo mafioso, intestazione fittizia di beni, estorsione, usura ed altri reati.

“Il provvedimento -riferiscono i carabinieri – si inserisce nell’ambito delle plurime iniziative di impulso dello strumentario delle misure di prevenzione patrimoniali attivate da tempo dalla Procura distrettuale di Bologna, insieme alle diverse forze di polizia, anche attraverso lo strumento della “richiesta congiunta”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.