L’industria reggiana crolla sotto i colpi del Covid: -11,8% gli ordini nel primo trimestre

17/6/2020 – Dopo la consistente flessione (-9,9%) registrata dalle esportazioni reggiane nel primo trimestre dell’anno in corso, gli indicatori congiunturali confermano la tendenza negativa dell’industria manifatturiera, con una flessione complessiva degli ordinativi che fra gennaio e marzo si è attestata al -11,8% nei primi tre mesi del 2020.

Gli ordini dall’estero – secondo l’Ufficio Studi della Camera di Commercio, che ha analizzato i risultati dell’indagine congiunturale trimestrale condotta dal sistema camerale nel mese di maggio – – sono scesi del 6%, ma ancor più consistente è stata la flessione di quelli provenienti dal mercato interno. La conseguenza è un calo della produzione che si è portato all’11,3% nel primo trimestre 2020 dopo aver segnato un dato negativo (-0,9%) anche nell’ultima parte del 2019.

Particolarmente colpite le imprese di minori dimensioni. Le aziende con più di 50 dipendenti hanno registrato una riduzione della produzione del 6,5%, mentre la flessione è del 14,3% per le aziende che occupano dai 10 ai 49 dipendenti e addirittura al -19,3% per le imprese da 1 a 9 dipendenti.

Per diversi dei settori che caratterizzano l’economia provinciale la flessione registrata è a due cifre: per il sistema moda il calo della produzione rispetto allo stesso trimestre del 2019 raggiunge il 15,4%; la contrazione della metalmeccanica è pari al 13,5% e quella delle industrie elettriche-elettroniche è del 10,2%.

Leggermente più contenuta la diminuzione registrata dalla ceramica (-7,5%) e dall’industria delle materie plastiche (-5,5%), mentre il settore della trasformazione alimentare ha subito un contraccolpo meno intenso, segnando un calo nella produzione dello 0,8%.

Andamento in flessione anche per il fatturato totale delle industrie manifatturiere, che nel primo trimestre dell’anno ha segnato, in provincia di Reggio Emilia, un -11,1% rispetto allo stesso periodo del 2019. Se si limita l’analisi al fatturato delle imprese che esportano, il calo è risultato leggermente più contenuto e pari al 5,4%.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.