Libreria all’Arco, la grande Paola Silvi si ritira e passa la mano a librerie.coop di Alleanza 3.0

3/6/2020 – Era nata nel ’68 come Libreria Rinascita del Partito comunista di Reggio Emilia e all’inizio degli anni ’90 si era trasferita in pieno centro. Da allora, tra i grandi archi di un’antica scuderia, si è trasformata nel salotto delle idee della città: un luogo aperto, elegante e ospitale, che racchiude il meglio dell’editoria e un assortimento di oltre 30 mila titoli di ogni genere. La storica libreria All’Arco è una vera istituzione per la cultura di Reggio Emilia: una delle più belle librerie italiane che, da oggi, cambia veste per restare a disposizione di tutti.
La libraia che l’ha fondata quasi 30 anni fa e le ha dato vita con passione, Paola Silvi, ha deciso di ritirarsi dall’attività, ma di tramandare la sua eredità imprenditoriale e culturale: All’Arco è stata ceduta a librerie.coop, la catena di proprietà di Coop Alleanza 3.0 che gestisce oltre 30 librerie in tutta Italia.

Paola Silvi

Cambia dunque la proprietà, ma “la lettura continua”, come recita la campagna che annuncia il nuovo assetto: l’insegna si impegna a garantire la massima continuità a questo patrimonio culturale, ma anche di persone e professionalità, in un periodo particolarmente difficile per l’economia in generale e per le librerie in particolare, visto che il settore già prima della pandemia sopravviveva con difficoltà, e da anni in tutta Italia le librerie storiche chiudono i battenti

Per illustrare l’operazione, si è tenuta oggi alla libreria All’Arco una conferenza stampa a cui hanno preso parte, accanto a Paola Silvi, Nicoletta Bencivenni, presidente di librerie.coop, e Andrea Volta, vicepresidente di Coop Alleanza 3.0, econ l’intervento di  Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia. Presenti all’incontro con i media, trasmesso anche in streaming,  il presidente della Camera di Commercio, Stefano Landi, di Legacoop Emilia Ovest Edwin Ferrari e il presidente di Coop Italia Marco Pedroni (già presidente di Coop Nord Est).

Nicoletta Bencivenni



“Si tratta – spiega la presidente Bencivenni – di una operazione di natura culturale e sociale a beneficio della comunità di Reggio Emilia e del nostro Paese. Ne siamo orgogliosi, e mi auguro che questa ripartenza della più importante libreria cittadina sia di buon auspicio e un simbolo di rinascita per tutta la città, dopo i durissimi mesi della pandemia”.

La libreria All’Arco occupa 9 librai qualificati, che ora passeranno in forze a librerie.coop assicurando la massima continuità: verranno mantenuti anche il logo, gli arredi, il carattere e lo spirito della libreria, che occupa ben 800 metri quadrati su due piani. 

Alla guida una nuova responsabile, la giovane libraia Anna Zilioli. “Con questa vetrina di grande valore – aggiunge Bencivenni – vogliamo radicarci ulteriormente nel territorio di Reggio, con un nuovo punto di riferimento qualificato per il mondo degli editori, degli scrittori e dei lettori”.
Non è la prima volta che librerie.coop, in quanto catena indipendente fondata sui valori della cooperazione, si fa carico di mantenere in vita librerie storiche a rischio di chiusura: operazioni analoghe sono avvenute per la libreria Zanichelli di Bologna e il Nautilus di Mantova (la libreria di Luca e Carla Nicolini). All’Arco si aggiunge alle tre librerie.coop già presenti a Reggio Emilia (nel centro commerciale Ariosto e gli spazi Libri scelti per voi dell’ipercoop Ariosto e Baragalla).  

Soddisfatta Paola Silvi, che racconta: “Ritirarmi è stata una decisione sofferta, ma ben ponderata e inevitabile, dopo oltre 30 anni di lavoro. Portare avanti una libreria come questa è molto faticoso e richiede energie giovani. Ho fatto questa scelta con serenità e convinzione: non avrei potuto lasciare All’Arco in mani migliori. Ho trovato in librerie.coop una profonda sintonia, lo stesso spirito, l’entusiasmo e l’amore per i libri che mi hanno guidato per tutta la vita, ed una realtà che potrà valorizzare le professionalità di tutti i miei collaboratori, portando la libreria nel futuro”.


La libreria All’Arco è considerata una delle più belle della penisola. Nel 2011ha vinto il premio annuale come migliore libreria d’Italia assegnato dalla Scuola per Librai “Umberto ed Elisabetta Mauri” di Venezia. Nel corso dei suoi quasi 30 anni di storia, ha ospitato molte centinaia di incontri e ospitato scrittori del calibro di Carlo LucarelliArrigo PetaccoIsabel AllendeRoberto Saviano,Silvia Avallone, Donato Carrisi, Aldo Cazzullo e molti altri. 
Anche nei giorni del lockdown, sono state 25 le interviste agli autori condotte in diretta Facebook e su YouTube.
“Le librerie sono un patrimonio chiave della vita della comunità e un bene da preservare – haq detto il vicepresidente di alleanza 3.0, Andrea Volta  – Siamo particolarmente felici di annunciare questa operazione portata avanti da librerie.coop, la società del Gruppo che attua in chiave imprenditoriale la promozione della lettura come fattore di sviluppo culturale, sociale ed economico. A Reggio Emilia e provincia Coop Alleanza 3.0 conta oltre 150 mila soci  che ci danno fiducia: anche così una buona spesa può cambiare il mondo. La libreria All’Arco continuerà ad essere un punto di riferimento per la cultura a Reggio Emilia e, quando si potrà tornare a incontrarsi, un nuovo polo di aggregazione e vita sociale della città”. Anche per Coop Alleanza 3.0, che per il terzo anno consecutivo ha chiuso il bilancio in rosso (163 milioni di perdita nel solo 2019, dopoi 295 del 2018) è una scommessa avvicente.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Giovanna Rispondi

    15/06/2020 alle 09:31

    Io ricordo anche con grande stima Junio, che alla Libreria Rinascita di Via Crispi sapeva sempre consigliarmi ottime letture con una professionalità e competenza dei ‘librai’ di una volta.
    Saluti infiniti alla Paola, grande donna. 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *