Lambrusco: nasce il Consorzio unico tra Modena, Reggio-Scandiano e vini del Reno

 27/6/2020 – “E’ un risultato storico”. Questo il commento dell’assessore regionale alla Agricoltura, l’ex sindaco di Scandiano Alessio Mammi, in vista della fusione per i consorzi di tutela del Lambrusco annunciata dai consigli di amministrazione dei consorzi, che hanno dato nei giorni scorsi il parere favorevole all’unanimità per procedere a partire dal prossimo anno alla nascita di un unico soggetto consortile: “Il Consorzio Tutela Lambrusco”.

“Un’ottima notizia quella che arriva dai consorzi del Lambrusco di Modena, dei Vini DOP Reggiano e Colli di Scandiano e di Canossa, e dal consorzio Vini del Reno Doc che hanno espresso parere favorevole alla volontà di procedere con un percorso di fusione per incorporazione, per la nascita di un unico soggetto consortile- afferma Mammi– che rappresenterà più di 1 milione di quintali di uve del nostro territorio, con una rilevante preponderanza di Lambrusco. Il Lambrusco si unisce e diventa più forte: si tratta di una scelta intelligente e lungimirante per la tutela e per la promozione di uno dei vini ‘biglietti da visita’ della nostra Regione e dell’Italia nel mondo. La volontà di unire le forze, condividere intenti comuni e in particolare la promozione internazionale, credo sia davvero un risultato storico, importante per tutto il nostro territorio.”

“Vorrei ringraziare – conclude Mammi- i tre presidenti Claudio Biondi, Ivan Bordot e Davide Frascari, assieme ai rispettivi consigli di amministrazione per decidere di intraprendere questo percorso complesso ma allo stesso tempo utile e strategico per il nostro Lambrusco, nella convinzione che potremo trarne ottimi risultati”. /CL

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *