Il ritorno strannunciato di Gandolfi
L’ex on. del Pd rientra in comune come dirigente
Un ragazzo d’oro: unico concorrente ammesso al colloquio

Per impiegare pur controvoglia un adagio abusato, ma in questo caso pienamente azzeccato, tanto tuonò che piovve. L’ex assessore della giunta Delrio ed ex deputato del Pd Paolo Gandolfi torna in Comune a Reggio Emilia.


E’ lui infatti -come risulta dal verbale della commissione giudicatrice- il vincitore della selezione per un dirigente a tempo determinato con funzioni, in particolare, di “coordinamento dell’area dello Sviluppo territoriale”. Sarà in sostanza il braccio destro dell’assessore Nicola Tria, al quale nei giorni scorsi il sindaco Luca Vecchi ha assegnato anche l’impegnativa delega dei Lavori Pubblici, lasciata libera dall’ex assessora Valeria Montanari.

Paolo Gandolfi

La procedura con cui l’esponente del Pd entra in forza all’amministrazione comunale è del tipo
di quelle duramente criticate dal Movimento 5 stelle, che ha presentato degli esposti ritenendole illegittime.

Infatti non sono stati banditi concorsi pubblici, ma i candidati sono stati ammessi sulla base della valutazione del curriculum e di un
colloquio attitudinale, a cui solo Gandolfi è risultato idoneo per accedere.

Del resto erano mesi che l’architetto ed ex on. Gandolfi era in panchina in attesa del varco giusto per entrare nell’alta burocrazia comunale. Che quello fosse il suo destino era ampiamente noto, appunto, sin dall’anno scorso.

FONTE: Dire e Reggio Report


Be Sociable, Share!

3 risposte a Il ritorno strannunciato di Gandolfi
L’ex on. del Pd rientra in comune come dirigente
Un ragazzo d’oro: unico concorrente ammesso al colloquio

  1. Trilussa Rispondi

    16/06/2020 alle 19:05

    Il solito girotondo di potere delle stesse persone. Si sta lottando per preparare il nuovo Sindaco.
    E il popolo lontano,
    rimasto sulla riva ,
    mangia le nocchie e strilla
    Evviva, evviva, evviva

  2. Carlo Menozzi Rispondi

    16/06/2020 alle 19:29

    Un pochino, ma proprio solo un pochino di vergogna, l’abbiamo? Ma vai a fare la libera professione (se sei capace…)

  3. Reggiano DOC Rispondi

    19/06/2020 alle 12:33

    #PorteGirevoli ed anche peggio … uno SCHIFO:
    In onore alla vera Meritocrazia, così Paolo Gandolfi potrà completare i danni che ha iniziato quando era assessore con Delrio: quando vedete a Reggio Emilia, restringimenti assurdi, inutili di carreggiate, ciclopedonali pericolose con giardinetti incongrui ed incolti, cordoli spigolosi killer per le ruote, opere stradali incomplete ed abbandonare, dovete sapere che è lui quello che li ha costruiti. Ringraziatelo.
    Grazie anche al Sindaco Luca Vecchi per riconfermare chiaramente a tutti che è solo l’ombra di Delrio. Proprio intelligente, bravo ed indipendente, in piena e decisa discontinuità col passato

Rispondi a Carlo Menozzi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.