I misteri della strage: due stranieri all’obitorio di Bologna
cercavano qualcuno morto alla stazione
Il prof. Sabattani diede l’allarme: fu esonerato dal collegio peritale

DI GIAN PAOLO PELIZZARO E GABRIELE PARADISI*

Gabriele Paradisi
Gian Paolo Pelizzaro

27/6/2020 – 11 agosto 1980. Un uomo e una donna. Due giovani, due stranieri, di cui uno presumibilmente «arabo», entrano nell’obitorio dell’Istituto di Medicina Legale di Bologna alla ricerca del corpo di qualcuno. O di qualcuna.

Vengono visti arrivare, vengono subito notati, seguiti e accompagnati nella morgue dal personale dell’obitorio. I due non parlano italiano. Confabulano fra di loro in quella lingua incomprensibile. L’unico cadavere che si trovano davanti è quello di un povero giovane studente che ancora aspetta di essere riconosciuto dai parenti. Era la salma numero 33.

Sono trascorsi undici giorni dall’attentato alla stazione centrale di Bologna e all’Istituto di Medicina Legale la fatica è tanta. Per giorni il personale, gli assistenti, gli agenti di polizia giudiziaria, i medici hanno dovuto fronteggiare un’emergenza spaventosa e senza precedenti. Migliaia di persone si sono riversate nell’obitorio alla ricerca dei loro cari. Lo strazio dei riconoscimenti dei cadaveri, delle formalità, degli atti di morte, della vista dei corpi molti dei quali malridotti dall’esplosione o dal crollo dell’ala sinistra della stazione che ospitava le sale d’aspetto di prima e seconda classe e il ristorante, bar, tavola calda. Giorni di fatica, passione, abnegazione, dolore e sacrificio. I medici legali avevano lavorato giorno e notte per dare un senso a quell’inferno, cercando di registrare, catalogare, ordinare e stabilire la causa della morte di tutte quelle persone. Furono repertate anche decine di pezzi di corpi umani provenienti dall’ala della stazione distrutta dalla bomba.

Quel giorno, il grosso del lavoro all’obitorio era in gran parte già stato fatto. Più o meno, tutte le vittime erano state identificate e riconosciute.

Tranne una. Si tratta di un giovane uomo col cranio fracassato e un biglietto della stazione Barbès-Rochechouart della metrò di Parigi in tasca. Si chiamava Mauro Di Vittorio, 24 anni di Roma, che per un tragico gioco del destino si trovò nel posto sbagliato, nel momento sbagliato. Venne, infatti, investito dall’esplosione e travolto dalle macerie. Finì così, di colpo e brutalmente, la sua sfortunata giovane vita. Era partito il 26 luglio, all’avventura, dicendo alla madre che sarebbe andato a Londra a lavorare. Invece trovò la morte di passaggio a Bologna. L’11 agosto 1980, la sua salma, la numero 33 appunto, era l’unica che nella morgue attendeva di essere riconosciuta.

Furono la mamma Maria, 51 anni, originaria della provincia di Potenza, e la sorella maggiore Anna, di 26 (aveva festeggiato il suo compleanno il giorno dopo l’attentato, non sapendo che fra le vittime c’era anche suo fratello) – il 12 agosto – a effettuare lo strazio del riconoscimento di Mauro. Le due donne erano giunte a Bologna la sera del giorno precedente – l’11 agosto – e dopo aver recuperato la carta d’identità di Mauro si erano subito precipitate all’obitorio, ma non fu affatto facile sostenere quell’orrendo spettacolo. Erano stati i magistrati della Procura della Repubblica ad averle informate che fra le macerie della stazione era stata ritrovata la carta d’identità intestata a Mauro Di Vittorio, nato a Roma il 20 maggio 1956, e per questo, anche se titubanti, decisero di partire per Bologna. In verità, loro sapevano che Mauro era partito per andare in Inghilterra e quindi nutrivano dei dubbi sul fatto che il ragazzo si trovasse invece a Bologna. Per questo madre e sorella non si preoccuparono i giorni successivi all’attentato. Il verbale di riconoscimento della salma 33 venne letto, firmato e sottoscritto da Maria Galati, la madre di Mauro, alle ore 12,15 del 12 agosto 1980.


Due ore dopo, la notizia del riconoscimento veniva battuta dall’Ansa: «L’ultima vittima della strage alla stazione, rimasta senza nome all’Istituto di Medicina Legale, è stata riconosciuta stamane dai suoi congiunti. Si tratta del romano Mauro Di Vittorio, 24 anni, studente. A fine luglio si era messo in viaggio verso il Nord Europa. La tragica mattina del 2 agosto era di passaggio alla stazione centrale di Bologna. L’identificazione del Di Vittorio non è stata facile. I parenti, giunti ieri sera nel capoluogo emiliano con una carta d’identità del giudice, avevano espresso qualche dubbio sui suoi connotati fisici ed hanno preferito compiere stamani nuovi accertamenti».

SI CHIUDE IL CASO DI MAURO DI VITTORIO, SI APRE QUELLO DI MARIA FRESU

Il caso del povero Mauro era chiuso. Ma all’Istituto di Medicina Legale, nonostante l’ultimo riconoscimento, qualcosa continuava a non tornare. Il numero delle vittime restava, a distanza di 12 giorni, ancora traballante. Fra i medici legali, che in genere sono sempre molto concreti e coerenti, quelle incertezze continuavano ad alimentare dubbi e sospetti.


È sempre l’Ansa, nello stesso comunicato, a dare conto di queste incongruenze: «Mancano intanto ancora notizie di Maria Fresu, 24 anni, di Montespertoli (Firenze), la giovane donna che ha perso la figlioletta nell’esplosione e che risulta ufficialmente dispersa. Militari e periti giudiziari, anche per ritrovare eventuali resti, continuano a setacciare le macerie della stazione, trasportate in un’area militare della prima periferia. L’opera, che richiede ancora parecchi giorni di lavoro, per ora non ha dato frutto». Il cronista dell’Ansa che aveva battuto la notizia aveva attinto queste informazioni parlando proprio con il personale dell’Istituto di Medicina Legale. Insomma, la fonte del giornalista era qualcuno che lavorava all’obitorio.

Era dal 6 agosto che la notizia sulla misteriosa scomparsa di Maria Fresu circolava e – per la prima volta – veniva peraltro messa in qualche modo in relazione con i brandelli di un volto strappato dalla faccia di una giovane vittima di sesso femminile il cui cadavere non sarà mai ritrovato.

L’Istituto diMedicina Legale di Bologna, in una foto dell’epoca

Qualcuno all’Istituto di Medicina Legale – già il 6 agosto, e cioè molto prima che il prof. Giuseppe Pappalardo, il medico legale al quale la Procura affidò l’incarico di periziare quei resti umani e che, nonostante l’evidente incompatibilità dei gruppi sanguigni, decidesse comunque che quei resti umani erano tutto quello che rimaneva della giovane mamma di 24 anni ufficialmente dispersa – aveva già formulato l’ipotesi che quella faccia strappata potesse essere di Maria Fresu. È sempre il cronista dell’Ansa da Bologna che – il 6 agosto – batte la notizia:


«Alla Polizia Ferroviaria nessuno si è presentato per riferire su volti di giovani in fuga – ha testualmente detto un funzionario – E tanto meno per disegnare identikit. Sull’ipotesi che lo scoppio sia avvenuto accidentalmente e contro la stessa volontà dell’attentatore, o semplice “portaborse”, lo stesso funzionario ha espresso seri dubbi. Il discorso, fatto sul piano del semplice scambio di opinioni, è interrotto dall’arrivo di due giovani di Montespertoli di Empoli, in provincia di Firenze. Sul volto hanno i segni della rassegnazione, ma ancora una sottile traccia di speranza li porta a continuare la peregrinazione. Risultano fra le vittime la piccola Angela Fresu, di tre anni, e Verdiana Bivona, di 22 anni. All’Ospedale Maggiore è Silvana Ancillotti, di 22 anni, ricoverata in prognosi riservata. Dello stesso gruppo faceva parte Maria Fresu, di 24 anni, madre della piccola Angela, la quale appunto i due parenti non riescono a trovare. “Sono passati ormai quattro giorni dall’esplosione – dicono – e non riusciamo a trovarla”. Viene loro assicurato tra le vittime, tutte identificate, tranne quattro di sesso maschile, la donna non c’è anche se restano dubbi poi sfumati su alcuni resti e parte di un volto. Ma negli ospedali loro non riescono a trovarla».

Una salma viene caricata sul bus 37 subito dopo la strage

Cosa voleva dire esattamente il giornalista quando scriveva che «la donna non c’è anche se restano dubbi poi sfumati su alcuni resti e parte di un volto»? Il funzionario interpellato dal giornalista o qualcun altro dell’obitorio già “sapeva” che quella faccia strappata era di Maria Fresu? Cos’erano quei «dubbi poi sfumati»? Chi arrivò a queste conclusioni, poi confermate e ufficializzate dalla perizia del prof. Pappalardo? Comunque, questa è la contorta situazione che hanno di fronte i medici dell’Istituto di Medicina Legale di Bologna.

… E IL CONTO DELLE VITTIME NON TORNA…

La cronaca registra queste anomalie. Nonostante l’abnegazione e il gran lavoro dei medici legali, il conto delle vittime non torna. A complicare le cose, già di per sé inesplicabili come la scomparsa di Maria Fresu, c’è dell’altro e cioè proprio l’esistenza di quel resto umano, una parte di volto, una macabra maschera facciale, di una giovane donna il cui corpo risulta introvabile. Fra le vittime e i feriti gravi non c’era nessuno che presentava ferite o mutilazioni compatibili con quella faccia strappata. I resti di quel misterioso volto di donna – stando a quando risulta agli atti – sarebbero stati trasportati all’Istituto di Medicina Legale il 3 agosto, provenienti dall’Ospedale Malpighi, ma la circostanza desta non poche perplessità poiché risulta di fatto inspiegabile che un brandello di volto umano possa essere trasportato in ospedale invece che all’obitorio.

Cosa ne avrebbero dovuto fare di quei resti i medici dell’ospedale? Di certo non si può rianimare un pezzo di corpo umano, né sarebbe immaginabile ricomporre e ricucire un’intera faccia strappata sul viso di una persona peraltro sparita nel nulla. Ma tant’è. Resta il fatto, insuperabile, che alla data dell’11 agosto 1980, all’Istituto di Medicina Legale c’è la consapevolezza che c’è una vittima, Maria Fresu, ancora ufficialmente dispersa, una parte di volto di donna il cui corpo risulta introvabile (per questo alcuni sono già convinti che quei resti siano di Maria Fresu) e che rimane ancora da riconoscere il povero studente romano la cui salma numero 33 è ancora lì, all’obitorio, in attesa di ritrovare la sua famiglia.

Maria Fresu con la sua bambina

11 AGOSTO, ARRIVANO UN “ARABO” CON L’ESCHIMO E UNA DONNA

Il corpo di Mauro è nella morgue quell’11 agosto 1980 quando arrivano quei due misteriosi giovani stranieri, forse arabi, alla ricerca di qualcuno o qualcuna che conoscevano e che sapevano essere presente in stazione prima della detonazione dell’ordigno.

Per una semplice e drammatica coincidenza, e cioè il ritardo e le difficoltà nell’effettuare il riconoscimento, quando quei due stranieri giungono all’obitorio trovano l’unica salma che ancora aspetta di essere definitivamente riconosciuta. L’arabo con l’eschimo e la donna sono alla ricerca di una persona, di qualcuno forse ucciso dalla bomba, ma quel qualcuno (o qualcuna) non è certo il povero Mauro Di Vittorio. La reazione che i due giovani ebbero al cospetto della salma 33 destò subito forti sospetti e il primo che si accorse che qualcosa non quadrava nel comportamento dei due stranieri fu proprio un medico legale dal fiuto finissimo, il prof. Piergiorgio Sabattani. Un professionista molto stimato, docente di grande esperienza.

Era stato proprio Sabattani a stilare il verbale di una raccapricciante massa di resti umani «repertati nella zona di scoppio»: un piede destro, un piede sinistro, un frammento di cuoio capelluto, una clavicola sinistra, un piede destro, parte di ginocchio, un brandello di sostanza muscolare e ossea riferibile ad una gamba, un pezzo di sostanza cerebrale, pezzo di piede sinistro. E un «frammento di cuoio capelluto con capelli neri lunghi, di cui il prof. Sabattani, estensore del verbale, ha dato atto che erano tutti ampiamente dilacerati». Misteriosamente, nonostante il certosino lavoro di catalogazione del prof. Sabattani, quei resti umani chiusi in un «sacco contrassegnato dal n° 56» non vennero mai analizzati e attribuiti ad alcuna delle vittime. Vennero, infine, inspiegabilmente e clamorosamente distrutti come semplici rifiuti ospedalieri.

IL PROF. SABATTANI LANCIA L’ALLARME SUI DUE MISTERIOSI STRANIERI

Il prof. Sabattani doveva aver intuito qualcosa, sembrava aver capito quello che molti dei suoi colleghi non volevano o non potevano comprendere e cioè che i conti non tornavano e che restavano aperti ancora troppi elementi di incoerenza nel computo delle vittime. E fu proprio lui, Sabattani, ad aver lanciato l’allarme dei due misteriosi stranieri che erano arrivati all’Istituto di Medicina Legale alla ricerca di qualcuno presumibilmente ancora disperso o non riconosciuto. Sabattani aveva addirittura chiesto l’intervento della polizia giudiziaria presente all’obitorio e informò del caso anche uno dei magistrati della Procura di Bologna, titolari delle indagini.


«Il 2 agosto 1980 ero assistente ordinario alla 1ª cattedra di Medicina Legale e svolgevo l’attività di ricerche e obitoriale. Ero presente presso l’Istituto di Medicina Legale di Bologna al momento dello scoppio della bomba alla stazione ed ero in procinto di partire per le ferie. La notizia di due persone “sfuggite al carabiniere e al primario” era da me conosciuta poiché appresa dal dott. Piergiorgio Sabattani». Questa è la testimonianza di Alberto Cicognani, medico legale e collega di Sabattani all’Istituto di Medicina Legale di Bologna. Sentito a sommarie informazioni testimoniali il 31 ottobre 2012 nell’ambito dell’inchiesta condotta dal pubblico ministero Enrico Cieri che vedeva coinvolto Thomas Kram, il terrorista tedesco legato al gruppo Carlos, il dott. Cicognani aggiungeva che l’inquietante circostanza dei due giovani stranieri «Sabattani mi disse di averla riferita a un pubblico ministero presente nella sala dell’obitorio».

Ulteriori elementi, inediti e poi in parte meglio precisati da un terzo collega di Medicina Legale, sulla misteriosa coppia di stranieri che entrano nell’obitorio di Bologna alla ricerca di qualcuno o qualcuna vengono riferiti agli inquirenti bolognesi da un altro docente dell’Istituto di Medicina Legale, Antonio Jesurum, triestino, 68 anni quando viene sentito dalla Digos di Bologna: «Ai tempi del fatto della strage della stazione di Bologna avvenuta il 2 agosto 1980 ero di turno per I’autorità giudiziaria».


Il prof. Jesurum – che fu uno dei dieci periti d’ufficio medico-legali nominati con provvedimento verbale («constatata l’assoluta urgenza») dall’allora reggente della Procura di Bologna, Luigi Persico, nel corso del primo sopralluogo alla stazione dopo l’esplosione, il 2 agosto 1980 – precisa che il servizio svolto da lui e dai suoi colleghi «consisteva nell’identificazione delle salme accompagnando i familiari nell’ispezione esterna, del cadavere e a qualcuno anche per l’autopsia. Visto l’elevato numero di cadaveri e anche la loro eterogeneità l’identificazione avveniva giorno per giorno». Il medico triestino riferisce, quindi, la storia dell’identificazione del povero Mauro Di Vittorio, il quale «fu l’ultimo o tra gli ultimi ad essere riconosciuto e feci io la sua ispezione esterna in un pomeriggio di un giorno che non ricordo. Vidi la sua carta d’identità e i carabinieri, credo il brigadiere Ceccarelli, mi disse che poco prima era stato identificato dalla madre che però non ho visto».

I DUE STRANIERI SCAPPANO, INSEGUITI DAL BRIGADIERE

Qui Jesurum riporta quanto venne a sapere dall’ufficiale di polizia giudiziaria presente in obitorio, il brigadiere Ceccarelli (lo stesso che si occuperà del controverso riconoscimento dei brandelli di volto di donna poi arbitrariamente attribuiti alla dispersa Maria Fresu) in merito all’inquietante storia dei due stranieri:

«Apprendevo dallo stesso brigadiere Ceccarelli che il giorno prima il prof. Sabattani Piergiorgio , allora professore di ruolo presso il nostro Istituto accompagnava due ragazzi un uomo ed una donna (il maschio con caratteri arabi che portava un eschimo) a vedere i corpi ancora da identificare. E avrebbe notato dall’espressione dei due una reazione come se avessero riconosciuto la salma. Il prof. Sabattani avrebbe chiesto ai due se era la persona che cercavano e i due negarono e se ne andarono. Il prof Sabattani si rivolse allora all’ufficiale di Polizia Giudiziaria presente nella sala d’attesa brigadiere Ceccarelli, riferendogli l’accaduto e le sue impressioni. II brigadiere uscì all’inseguimento dei due richiamandoli indietro, ma i due si sarebbero messi a correre in direzione di via Indipendenza senza essere ulteriormente interrogati dall’ufficiale di polizia giudiziaria. La mattina appresso sarebbe giunta la madre per l’identificazione e questo avrebbe rafforzato il convincimento nel brigadiere che effettivamente i due fuggitivi del giorno precedente avessero riconosciuto la salma».

Come si vede, il prof. Jesurum riporta le «impressioni» del brigadiere dei carabinieri Ceccarelli, aggiungendo a un fatto certo e non smentibile delle sensazioni personali, delle opinioni che finiranno con l’alterare l’esatta ricostruzione dei fatti. Il «convincimento» del brigadiere arriverà, infatti, a coinvolgere, ingiustamente, il povero Mauro Di Vittorio che nulla aveva a che fare con le tante, troppe, stranezze e anomalie che si stavano registrando all’Istituto di Medicina Legale nell’ambito delle attività peritali, come l’identificazione e il riconoscimento delle salme e la ricerca delle cause che provocarono la morte.

Il prof. Jesurum non era presente quando «il prof. Sabattani e il brigadiere Ceccarelli avevano avuto questa situazione, ma mi fu riferita sia dal brigadiere che successivamente dal prof. Sabattani i quali la riferirono anche ad altri componenti dell’Istituto e per quanto mi ricordo informarono anche l’autorità giudiziaria, che non avrebbe rilevato anomalie».

UN MISCUGLIO DI VERO, DI SENSAZIONI E CONVINCIMENTI PERSONALI

A ben vedere, la testimonianza del prof. Jesurum è de relato. La vicenda dei due misteriosi giovani che si recano in obitorio l’11 agosto 1980 alla ricerca del cadavere di qualcuno, che di certo come si è visto non era quello di Mauro Di Vittorio, si compone di un fatto certo e riscontrato che vide il prof. Sabattani come principale testimone diretto e alcuni «convincimenti» del carabiniere in servizio all’obitorio. Il miscuglio del fatto vero con sensazioni e convincimenti personali ha finito col produrre una storia diversa e piena di contraddizioni. I due misteriosi giovani stranieri è vero che giunsero all’Istituto di Medicina Legale di Bologna l’11 agosto 1980 perché erano alla ricerca del corpo di qualcuno che conoscevano, ma quel corpo non era quello di Mauro Di Vittorio. L’attenzione, soprattutto del brigadiere Ceccarelli, si concentrò sullo sfortunato studente romano solo perché la sua salma era l’ultima in obitorio in quel momento in attesa di riconoscimento.


E qui, per diradare le nebbie di una vicenda piena di opacità, si sarebbe dovuto attingere alla fonte diretta, e cioè al prof. Sabattani. Ma purtroppo – aggiunge il prof. Jesurum a verbale – i due principali testimoni della vicenda sono scomparsi: «Il prof. Sabattani è morto a 59 anni, per malattia incurabile, mentre Ceccarelli è deceduto recentemente per morte improvvisa. Anche Puccini, allora direttore dell’Istituto, è morto a 93 anni».

E così, quella circostanza vera e densa di sospetti poi intossicata dai convincimenti personali del carabiniere senza alcun riscontro oggettivo, finirà malamente all’orecchio di Enzo Raisi, allora deputato di Alleanza Nazionale di Bologna, il quale imbastì tutta una storia su Mauro Di Vittorio e sulla quale noi, insieme al collega François de Quengo de Tonquedec, ci siamo sempre e pubblicamente dissociati.


Ieri come oggi, riteniamo non solo che Mauro Di Vittorio fosse del tutto estraneo all’attentato, ma che l’intera vicenda dei due misteriosi visitatori dell’obitorio di Bologna non è da mettere in relazione alla tragica sorte dello sfortunato studente romano, ma va riletta alla luce dell’altro, vero, mistero della storia della strage di Bologna e cioè quello della scomparsa del corpo della giovane donna alla quale l’esplosione strappò la faccia e che poi fu poi attribuita al cadavere mancante di Maria Fresu.

prof. Giuseppe Pappalardo a chiudere il caso della scomparsa della giovane mamma di Montespertoli, attribuendole – contro ogni evidenza scientifica – il volto di un’altra donna.

Come abbiamo già detto, fu il prof. Giuseppe Pappalardo ad aver chiuso il caso della scomparsa della giovane mamma di Montespertoli, attribuendole – contro ogni evidenza scientifica – il volto di un’altra donna. Il prof. Pappalardo era uno dei cinque medici legali che componevano il collegio peritale nominato dalla Procura della Repubblica di Bologna per redigere la perizia sulle vittime dell’attentato.

SABATTANI NON SI PRESENTO’, E FU ESTROMESSO DAL COLLEGIO MEDICO LEGALE CHE ATTRIBUI’ I RESTI A MARIA FRESU

Di quel collegio di cinque medici dell’Istituto di Medicina Legale faceva parte anche il prof. Piergiorgio Sabattani, ma – per ragioni ancora oggi sconosciute – il docente non si presentò in Procura all’udienza di convalida delle nomine dei componenti del collegio peritale fissata a martedì 16 settembre 1980. E così, pur sapendo di essere stato nominato a far parte del collegio peritale, il prof. Sabattani si chiamò fuori, disertando l’udienza. La sua assenza costrinse i giudici istruttori ad emettere un provvedimento di esonero per il prof. Sabattani alle attività peritali del collegio, presieduto dal prof. Clemente Puccini, direttore dell’Istituto di Medicina Legale di Bologna.

L’ordinanza del giudice istruttore: a un anno di distanza Sabattani viene esonerato dall’incarico

Nella relazione di perizia medico-legale sulle vittime della strage, depositata in un giorno imprecisato di novembre 1980, non compare in calce al documento finale la firma del prof. Sabattani, seppur compaia il suo nome fra i cinque periti indicati dall’ufficio della Procura della Repubblica. Quella perizia medico-legale faceva proprie le conclusioni dei controversi risultati della perizia Pappalardo sui brandelli di volto di donna:

«Il cadavere, di cui al numero 75 dell’elenco, del quale furono reperiti solo alcuni resti portati all’Istituto di Medicina Legale insieme alle altre vittime, fu poi identificato come appartenente a Fresu Maria».

La defezione del prof. Sabattani dal collegio peritale solleva, ancora oggi, molti interrogativi. Era semplicemente in ferie o, con la scusa delle ferie, decise di non partecipare alle attività peritali nel collegio in cui c’era anche il prof. Pappalardo? Mai nessuno, in 40 anni di indagini e processi, aveva mai notato questa inspiegabile stranezza in uno degli atti più importanti di tutta l’inchiesta originaria.

La storia dei due stranieri che cercano il cadavere di qualcuno nell’obitorio di Bologna nella giornata dell’11 agosto 1980 e della quale il dott. Sabattani fu il principale e più autorevole testimone diretto viene ricostruita senza contaminazioni e valutazioni personali da un terzo docente di medicina legale, il dott. Giuseppe Fortuni, perugino, 61 anni quando viene sentito dalla Digos di Bologna:


«Sono professore aggregato di medicina legale presso la Scuola di Medicina dell’Università di Bologna con sede in via Irnerio 49, sede dell’obitorio. All’epoca della strage di Bologna del 2 agosto 1980 ero medico interno universitario con compiti assistenziali nei turni obitoriali per l’attività giudiziaria. Il giorno della strage ero in ferie per congedo matrimoniale e mi trovavo a Numana dove ho appreso la notizia per radio».

Il prof. Fortuni rientrò d’urgenza dalle ferie e appena prese servizio all’Istituto di Medicina Legale venne informato della strana vicenda dei due stranieri:


«Ricordo di aver saputo credo dal dott. Fabrizio Landuzzi allora tecnico per le autopsie e ora medico legale, che durante le operazioni di riconoscimento, nei giorni precedenti al mio arrivo in sede, due giovani descritti come stranieri di fronte ad una salma di un uomo cominciarono nella loro lingua a dialogare per poi concludere che non conoscevano la predetta salma. Questo creò stupore negli accompagnatori presenti, che non conosco chi fossero, poiché dalla gestualità e dal dialogo si sarebbero attesi il riconoscimento della salma. Sono sicuro di non aver mai sentito il nome della salma sopra indicata».

Fortuni ha infine precisato che «la notizia girava in Istituto e che io ho saputo di quanto raccontato dal dott. Landuzzi nel settembre 1980».

Stranamente, il dott. Fabrizio Landuzzi, la fonte diretta del prof. Fortuni, non sarà mai interrogato dagli inquirenti su quella precisa circostanza e quindi – ad oggi – manca l’ultimo tassello, l’ultimo riscontro a una storia controversa e disseminata di anomalie.

I due giovani stranieri, parlando fra loro in una lingua diversa dall’italiano, fecero capire indirettamente a chi era presente in quel momento all’obitorio che la salma 33 (e cioè quella di Mauro Di Vittorio) non era la persona che cercavano. Ebbero una reazione molto strana, che destò immediatamente i sospetti del prof. Sabattani, il quale – va ricordato – era a conoscenza che mancava ancora all’appello il cadavere di Maria Fresu e che in una cella frigorifera dell’obitorio c’era anche quell’orrendo volto strappato dalla faccia di una terza misteriosa giovane donna, anche lei sparita nel nulla.

COSA AVEVA CAPITO IL PROF. SABATTANI? TANTE DOMANDE IN ATTESA DI RISPOSTA DA 40 ANNI


Perché quei due giovani stranieri si diedero alla fuga quando capirono di essere inseguiti dal brigadiere Ceccarelli? Chi cercavano nell’obitorio di Bologna? Il cadavere di uomo o quello di una donna? Perché il prof. Sabattani si insospettì così tanto al punto di chiedere l’intervento della polizia giudiziaria e poi di informare il pubblico ministero?

Perché il docente, facendosi esonerare, si sfilò dal collegio dei periti medico-legali chiamati a redigere la relazione tecnica sulle vittime della strage? Cosa aveva intuito o saputo il docente di medicina legale sui resti del volto di donna e sulla misteriosa scomparsa del corpo di Maria Fresu?

Tutti questi interrogativi attendono – a distanza di 40 anni – ancora una risposta.

________________________________________________________________

*Gian Paolo Pelizzaro e Gabriele Paradisi sono giornalisti investigativi, saggisti e studiosi del terrorismo internazionale

Articoli correlati:

  • I misteri della strage di Bologna/ Un museo degli orrori…

    DI GIAN PAOLO PELIZZARO E GABRIELE PARADISI*

    Lo chiamano scalpo. Macabra maschera facciale. Lembo o residuo di volto. Testa di donna.
    Si tratta di una parte di faccia di essere umano di sesso femminile ritrovato sabato 2 agosto 1980 sotto una delle carrozze del treno Schweiz Adria Express 13534 Ancona-Basel, fermo sul binario 1, proveniente da Rimini. Era il treno sul quale viaggiava il misterioso turista tedesco Harald Polzer che con la sua cinepresa Super 8 a colori filmò la Stazione Centrale di Bologna pochi minuti prima e dopo l’esplosione.
    Quel volto strappato dalla faccia di una misteriosa persona non solo ha una storia molto controversa e piena di stranezze, ma venne in poche ore subito associato al corpo introvabile di una giovane donna di 24 anni, Maria Fresu, mamma di una bambina di tre anni di nome Angela.
    IN QUESTO ARTICOLO PELIZZARO E PARADISI RICOSTRUISCONO I PASSAGGI CONTORTI E RAFFINATI CHE PORTARONO A METTERE NELLA BARA DI MARIA FRESU I RESTI DI TRE PERSONE DIVERSE, TRA CUI LO “SCALPO” DI UN’ALTRA DONNA DI CUI NON SI SA NULLA: E’ LA MISTERIOSA VITTIMA N. 86. CHI ERA? E PERCHE’ QUALCUNO FECE SPARIRE LA POVERA MARIA?

    Condividi

     

  • RIVELAZIONI/ Due donne scomparse, la verità sepolta e il primo…

    DI GIAN PAOLO PELIZZARO E GABRIELE PARADISI*

    Condividi

     

  • I misteri della strage/ Il cadavere scomparso di Maria Fresu…

    DI GIAN PAOLO PELIZZARO E GABRIELE PARADISI*

    Condividi

     

  • Strage, l’ultimo mistero: Bellini e Thomas Kram, terrorista del gruppo…

    DI GIAN PAOLO PELIZZARO E GABRIELE PARADISI*
    Paolo Bellini e Thomas Kram si ritrovarono a Bologna nello stesso albergo.
    È giovedì 21 febbraio 1980. Bellini, 26 anni di cui gli ultimi tre latitante sotto la copertura della falsa identità brasiliana di Roberto Da Silva, entra nella hall dell’Hotel Lembo in via Santa Croce 26 e si dirige verso la reception. Chiede una stanza per due notti, con check-out sabato 23 febbraio. Al concierge la “primula nera”, come lo chiamano i giornali, consegna come documento di riconoscimento un «libretto dell’aviazione civile n° 4357, rilasciato a Roma nel 1978».
    Con lui non c’è nessuno ad accompagnarlo, come invece era capitato venti giorni prima, sempre a Bologna, quando prese una stanza nell’Albergo Atlantic di quarta categoria in via Galliera 46 con una donna del frusinate di 39 anni residente a Bologna «dedita alla prostituzione».
    La sua presenza all’Hotel Lembo tra il 21 e il 23 febbraio 1980 costituisce un fatto che anche Bellini non ha mai voluto chiarire. Lo ha taciuto agli inquirenti in tutti i suoi interrogatori. A volte anche mentendo.
    Perché? Il 22 febbraio 1980 Bellini era all’albergo Lembo quando arrivò Thomas Kram, il terrorista tedesco dirigente delle Cellule Rivoluzionarie (RZ) e membro «a pieno titolo» del gruppo Carlos. Kram, nato a Berlino il 18 luglio 1948, braccio destro del terrorista tedesco Johannes Weinrich, anche lui membro di spicco delle RZ e numero due della rete Separat.
    Lo stesso Thomas Kram sorvegliato speciale come pericoloso terrorista e che il 2 agosto 1980 è alla stazione di Bologna…

    Condividi

     

  • “Un tedesco con Bellini a Bologna il giorno della strage”…
    Condividi

     

2 risposte a I misteri della strage: due stranieri all’obitorio di Bologna
cercavano qualcuno morto alla stazione
Il prof. Sabattani diede l’allarme: fu esonerato dal collegio peritale

  1. Giancarlo Vetri Rispondi

    27/06/2020 alle 11:54

    Vorrei fare i complimenti a Paradisi e Pelizzaro per il rigoroso lavoro di ricerca che continuano a svolgere per avvicinarsi alla verità.
    Personalmente non sono orientato a sottoscrivere la tesi alternativa della pista palestinese, perchè ritengo che gli elementi indiziari su cui si basano le sentenze siano più verosimili e concatenati. Detto questo,apprezzo molto il lavoro dei due eccellenti giornalisti investigativi.

  2. Salvatore Occhiuto Rispondi

    29/06/2020 alle 01:28

    Un fatto è incontrovertibile: la lapide alla stazione di Bologna con la dizione strage fascista non doveva essere mai collocata e sarebbe da togliere immediatamente perchè la storia non si può manipolare! la verità prima o poi emerge sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *