Campagnola: sfascia l’auto della moglie e cerca di colpire il maresciallo con un tondino di ferro

29/6/2020 – I Carabinieri hanno arrestato e portato in carcere un marito di 42 anni. napoletano residente a Campagnola, che ha continuato a perseguitare la moglie, arrivando ieri sera a sfasciarle la macchina, nonostante il giudice di Reggio Emilia lo avesse allontanato da casa col divieto assoluto di avvicinare la donna. Inoltre, non contento, ha cercato di aggredire il maresciallo dei carabinieri con un tondino di ferro.

Il grave episodio è avvenuto ieri pomeriggio, intorno alle 18,30, quando la moglie al ritorno dal mare ha trovato il marito piazzato in casa, per di più ubriaco, nonostante il divieto cautelare emesso a sua carico.

Rifugiatasi dal vicino ha chiamato i carabinieri i quali, con la pazienza di Giobbe, nonostante l’ostilità dell’uomo che aveva dato fondo alla bottiglia, sono riusciti a portarlo alla ragione e ad allontanarlo. Lui però dopo poco è tornato e se l’è presa con auto della donna distruggendo parabrezza, lunotto e due finestrini lato guida. Ha cercato di fuggire, ma inutilmente, e quando i carabinieri lo hanno circondato ha ingaggiato una resistenza attiva contro di loro condita da minacce di morte verso la moglie, sino a che non ha preso un tondino di ferro appoggiato su un muretto – probabilmente con quello aveva sfasciato l’auto – e lo ha brandito in alto cercando di colpire il maresciallo . A quel punto è stato immobilizzato a terra e arrestato con le accuse di danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *