Truffe agli anziani, ritornano falsi marescialli e falsi avvocati
“Suo figlio è nei guai”, donna di 70 anni depredata degli ori per migliaia di euro

dopo il falso dottore, anche i falsi avvocati e i finti marescialli tornano a a Reggio Emilia,dove ieri si è registrata l’ennesima truffa ai danni di una signora di 70 anni, derubata ieri mattina di ori e gioielli per un valore di diverse migliaia di euro.

Il colpo è avvenuto con la solita sceneggiata: prima un falso maresciallo ha telefonato alla signora, avvertendola che il figlio era stato fermato alla guida dell’auto senza assicurazione, e che per lasciarlo andare si dovevano pagare i verbali.

Poco dopo, a casa della donna ha telefonato un sedicente avvocato che – affermando di dover tutelare gli interessi del figlio finito nei guai – si è fatto consegnare l’oro tenuto in casa alla scopo di… pagare i verbali e liberare il figlio. Ottenuti i preziosi il truffatore si è allontanato svelto svelto. Poi la donna si è resa colnto del raggiro e ha chiamato il 112.

I Carabinieri, particolarmente impegnati da tempoin una campagna informativa capillare tra gli anzianie i loro famigliari, inviano a non abbassare la guardia e a chiamare subito il 112 quando stelefonano o si presentano dei farabutti variamente camuffati, con storie inverosimili appositamente studiate per mandare nel panico le loro vittime e depredarle di denaro e preziosi.

Non molto tempo fa il comandante provinciale Colonnello Cristiano Desideri, in un incontro con i giornalisti aveva sottolineato il fenomeno precisando che, fermo restando le indagini in corso per risalire a una banda sicuramente ben strutturata, grazie alla campagna di sensibilizzazione solo l’anno scorso erano state sventate oltre 50 truffe. 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *