Pascolo conteso nell’area golenale: pastore siciliano di Brescello minaccia e aggredisce collega reggiano

27/5/2020 – Lite tra pastori per un terreno da pascolo conteso, è sfociata in minacce e in un’aggressione. È successo nella bassa reggiana dove un allevatore siciliano di 4 anni residente a Brescello è stato denunciato dai carabinieri per minacce e lesioni personali ai danni di altro pastore, un reggiano cdi 27 anni.

Quest’ultimo – proprietario di 400 ovini – aveva accusato il concorrente nel marzo scorso di aver sconfinato col suo gregge di 2000 capi di bestiame nell’area golenale del Po, a Fogarino di Guastalla, occupata solitamente da lui.

Dopo alcune recriminazioni, il pastore siciliano aveva fatto capire che sarebbe tornato nella zona di sua competenza, a Dosolo, nel mantovano, appena al di là del confine segnato dal fiume. Ma qualche giorno dopo ha cominciato a minacciare di morte il “concorrente” con messaggi vocali e scritti su WhatsApp.

Concordato un incontro chiarificatore, al quale la vittima ha chiesto l’intervento delle forze di polizia, il siciliano di Brescello ha colto l’attimo per colpieo l’altro pastore con un pugno, provocandogli lesioni giudicate guaribili in alcuni giorni all’ospedale di Guastalla. Subito bloccato e denunciato a piede libero, dovrà comparire davanti al giudice per rispondere dei reti di minacce e lesioni personali.

(fonte: ANSA.IT)

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *