Ora mettete mano al degrado
Comitato sicurezza: il prefetto ordina giro di vite in via Roma e alle ex-Reggiane

12/5/2020 – Riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduta dal prefetto Maria Forte alla quale sono intervenuti in videoconferenza il Sindaco di Reggio Emilia, il Presidente della Provincia e i vertici delle Forze di Polizia. Tema: lo spaccio di droghe in zona via Roma e l’insostenibile situazione di degrado alle ex-Reggiane connessa all’occupazione da parte di decine di sbandati, clandestini e senza tetto dei capannoni abbandonati di quella che fu la gloria industriale di Reggio.

Il Prefetto ha sottolineato la necessità di potenziare dei servizi di controllo secondo modalità già poste in essere prima dell’emergenza Covid. . L’allentamento delle misure restrittive sociali “consente ora una rinnovata attenzione ai fenomeni di degrado e di illegalità in quelle zone della città di Reggio Emilia, particolarmente sensibili al fenomeno dello spaccio di sostanze psicotrope”. Proseguiranno, pertanto, nelle zone critiche e con maggiore intensità “i servizi straordinari di controllo da parte delle Forze di Polizia con il supporto della locale Polizia Municipale. I controlli riguarderanno non solo le persone ma anche le attività commerciali delle aree interessate”.

Si dovrà inoltre dare una svolta alle iniziative del Comune di Reggio assistere le persone che si trovano in situazioni di disagio e di degrado, come le famiglie senza tettoo. “Tale attività si affiancherà a quella propria delle Forze di polizia per la prevenzione ed il contrasto di ogni forma di illegalità” .

*********

Nel corso della mattinata si è svolta anche una riunione del tavolo tecnico di coordinamento e monitoraggio costituito in virtù di quanto disposto dall’art. 9 del DPCM 26 aprile 2020, che demanda al Prefetto l’esecuzione ed il monitoraggio delle misure di contenimento con specifico riferimento anche alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. All’incontro cui hanno partecipato le Forze di Polizia, i Vigili del Fuoco, il responsabile provinciale dell’Ispettorato del Lavoro, il Comandante dei Carabinieri Nas di Parma, il Direttore del Dipartimento Sanità Pubblica dell’Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia, la Prefettura ha focalizzato l’attenzione sulla pianificazione dei servizi al fine di evitare sovrapposizioni, nonché sulle attività produttive presso le quali il rischio di assembramenti è maggiore.

Si è, altresì, concordato di monitorare l’attività attraverso incontri periodici in Prefettura al fine di esaminare le risultanze dei controlli stessi.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.