Made in Emilia-Romagna , l’assessore Mammi sposa la proposta Gibertoni per un marchio regionale

26/5/2020 – L’idea di creare il marchio ‘made in Emilia-Romagna’ per garantire l’origine, la natura e la qualità dei prodotti agricoli e agroalimentari della regione, proposto dalla consigliera del gruppo Misto Giulia Gibertoni, non dispiace alla Giunta regionale . Tanto che l’assessore all’Agricoltura, Alessio Mammi – che da sindaco aveva anche promosso l’isntallazione di una segnaletica promozionale sui vini dei colli di Scandiano – ha proposto “un passaggio in commissione per articolare meglio i passaggi normativi e per immaginare i nuovi scenari. Ho già chiesto agli uffici indagini di mercato per avere un riscontro da consumatori e produttori”.

La strada non è semplice, perché “bisogna predisporre un regolamento, depositare il marchio, comunicarlo, poi serve l’approvazione della Commissione europea, infine l’approvazione definitiva del marchio aggiunge Mammi – Nulla comunque impedisce ai produttori emiliano-romagnoli di inserire nelle etichette l’origine e le informazioni dei prodotti”.

Una proposta che ha soddisfatto Gibertoni: “Ho ripresentato questa idea, proposta già nella scorsa legislatura, anche per dare sostegno alle aziende in questa particolare congiuntura economica dovuta al Covid, perché possano puntare sull’orgoglio territoriale e sulla qualità dei nostri prodotti. Concordo nel portare l’argomento in commissione, l’attenzione da parte delle istituzioni credo sia necessaria”.

Condividi

Una risposta a 1

  1. carlo baldi Rispondi

    27/05/2020 alle 15:14

    Non isoliamoci troppo, nè montiamoci la testa. Facciamo le cose al meglio e verremo sicuramente ripagati bene; però guardiamo un po’ fuori dall’orticello di casa per favore perchè abbiamo tanto da imparare e da fare.Il mondo è abbastanza grande e vi invito a guardare un po’ di più la carta geografica. Tra l’altro non siamo ancora riusciti a vendere bene il made in Italy!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *