Donna sfregiata dall’ex marito marocchino: taglio di 20 cm. in viso
L’uomo in fuga arrestato nella notte a Reggio

 29/5/2020 – Al culmine di una violenta lite ha accoltellato al volto e alla testa l’ex compagna, una donna veronese di 52 anni, e si è dileguato. Ma la fuga è durata poco: l’uomo, un marocchino di 40 annio residente nel veronese, questa notte è stato intercettato e fermato a Reggio Emilia dai carabinieri della sezione operativa, congiuntamente ai colleghi di Rubiera, al culmine di un’indagine condotta in sinergia con i colleghi di Caprino Veronese, nella cui giurisdizione ieri si è consumato il grave fatto di sangue. L’uomo è stato arrestato e ora si trova nel carcere di Reggio Emilia in attesa delle decisioni dell’autorità inquirente: è accusato di lesioni personali aggravate e deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso.

Il sistema di lettura targhe della videosorveglianza pubblicaha permesso di individuare il quaratenne marocchino nel reggiano.

Attorno alle 20 di ieri l’uomo, dopo un litigio con l’ex convivente, afferrato un coltello ha sfregiato il volto della donna per poi fuggire a bordo di un’Audi A3 nera. La vittima, subito soccorsa, è stata condotta in ospedale dove è stata trattenuta in osservazione con una prima prognosi di 20 giorni per una ferita maggiore del volto superiore a 20 cm, con conseguente lesione deturpante del viso, e per una ferita da taglio al cuoio capelluto.

Le immediate investigazioni dei carabinieri della compagnia di Caprino Veronese hanno consentito di concentrare le ricerche sul marocchino, e l’allerta è stato diramato ai colleghi di Reggio Emilia in base a precisi indizi.

L’esame del sistema varchi di lettura targhe ha consentito quindi di individuare l’auto del marocchino nel reggian, sino a quando alle 2,30, i militri hanno individuato e fermato l’auto nel capoluogo, in via Anna Frank. L’uomo aveva con se anche due valigie colme di vestiti ed effetti personali, oltre a contanti per 1.500: probabilmente si apprestava a fuggire all’estero.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *