Comiche da piangere
La Protezione civile ha distribuito all’Ordine dei medici mascherine non idonee

1/4/2020 – “Siamo alle comiche: la Protezione Civile ha consegnato agli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri dei capoluoghi di Regione migliaia di mascherine contenute in involucri che riportavano la dizione maschere “Ffp2 equivalenti”. Peccato che ieri il commissario straordinario per l’emergenza epidemiologica Covid-19, Domenico Arcuri, abbia comunicato che le mascherine in questione, non sono dispositivi autorizzati per l’uso sanitario dalla Protezione civile. Quanti di questi dispositivi sono stati consegnati all’Ordine dei medici di Bologna. Non è il caso che Regione sopperisca a questo errore?”

E’ quanto chiede in un’interrogazione, a prima firma Daniele Marchetti, il gruppo regionale Lega E-R, che rimarca: “L’errore della Protezione civile nell’invio delle mascherine per i medici impegnati in prima linea nell’emergenza sanitaria per fermare il contagio da Covid-19 è il secondo incidente di percorso dopo le mascherine non idonee inviate agli ospedali che provocarono più di un’irritazione da parte dei vertici delle istituzioni regionali”. 

Il consigliere regionale della Lega, Daniele Marchetti

Nella comunicazione inviata dal presidente della Federazione nazionale Ordini medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, ai vari organi regionali degli Ordini delle due categorie viene “chiesto di sospendere immediatamente la distribuzione e l’utilizzo di quanto ricevuto, informando allo stesso tempo eventuali medici o strutture che ne fossero già in possesso” precisa la nota a firma Daniele Marchetti, Matteo Rancan, Fabio Rainieri, Gabriele Delmonte, Stefano Bargi, Emiliano Occhi, Andrea Liverani, Massimiliano Pompignoli, Fabio Bergamini, Maura Catellani, Michele Facci, Matteo Montevecchi, Valentina Stragliati e Simone Pelloni.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Carlo Menozzi Rispondi

    01/04/2020 alle 16:09

    Come direbbe il Fede? Che figura di merda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *