PreGel: “Tante offerte dall’estero, ma restiamo qui”
Dal nuovo stabilimento di Arceto al welfare aziendale per le mamme lavoratrici

17/4/2020 – “La rappresentanza e libertà sindacale in PreGel è stata da sempre rispettata e sempre lo sarà”, ma “è scontato che ogni rapporto deve avvenire nella piena legittimità e liceità delle condotte, che non possono e non devono ledere l’azienda”. I vertici della PreGel, l’azienda di Gavasseto leader nei preparati per gelaterie (secondo ricette e procedimenti esclusivi) tornano oggi sulla vicenda del licenziamento, avvenuto prima di Pasqua dio un operaio, delegato sindacale Cgil, al quale viene contestato fra l’altro di aver messo a repentaglio “importantissimi segreti industriali” dell’azienda”.

Stabilimento Pregel

A seguito delle polemiche suscitate dal licenziamento (con una dura presa di posizione del sindacato e di dieci consiglieri comunali di Reggio) PreGel ribadisce “quanta attenzione l’azienda ha posto negli anni al benessere dei suoi dipendenti e alla qualità altissima delle sue fabbricazioni di prodotti per la gelateria”.

Nata a Scandiano nel 1967, Pregel “da sempre sostiene una filiera agroalimentare di produzioni che provengono da tutte le regioni italiane, e a oggi ha in forza 300 dipendenti in Italia e circa 400 nelle 22 sedi estere.

“L’azienda dal nostro territorio provinciale si è espansa in tutto il mondo -si legge in una nota – la proprietà però – in quanto legata strettamente al territorio reggiano e scandianese – ha deciso di realizzare il più importante degli investimenti programmati proprio ad Arceto, sviluppando così un progetto che da sempre mette i nostri territori e l’occupazione locale al centro delle strategie aziendali”.

Non solo: “PreGel da sempre ha ricevuto vantaggiose offerte di sviluppare nuove sedi produttive in tante nazioni europee”, tuttavia “la proprietà ha sempre rifiutato di spostare la sede dall’Italia e il nuovo investimento realizzato ad Arceto ne è la dimostrazione più palese”.

“La nostra azienda – prosegue- è in maggioranza composta da donne ed in forza di questo PreGel ha avviato da tempo un importante progetto di welfare, per favorire le madri, finanziando l’asilo parrocchiale di Sabbione per la sede di Gavasseto ed in futuro la scuola materna parrocchiale di Arceto per la nuova sede realizzata nella frazione. Tali servizi saranno gratuiti per i bambini dei dipendenti di PreGel”.

E conclude: “La rappresentanza e libertà sindacale in PreGel è stata da sempre rispettata e sempre lo sarà, è scontato che ogni rapporto deve avvenire nella piena legittimità e liceità delle condotte, che non possono e non devono ledere l’azienda”.

La Direzione – PreGel Spa

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *