Pensionata va a pagare il condominio, non l’avesse mai fatto
“Una vigilessa mi ha multato: 400 euro. E’ giusto?”

9/4/2020 – “L’amministratrice di condominio mi aveva telefonato per sollecitarmi ad andare a pagare la rata, perché sul conto non c’erano nemmeno i soldi per saldare la donna delle pulizie dello stabile in cui vivo. Quindi mi sono precipitata in banca per pagare il mio debito e mi hanno fatto la multa. Ben 400 euro, a me che vivo della mia pensione…”. 

Anna Rocchi è una pensionata di 70 anni, condivide l’appartamento con la sorella di 78 anni in via Matilde di Canossaa Reggio Emilia, una vita trascorsa come operaia alla Lombardini. Non ha il pc, tantomeno Facebook. Non guarda la televisione nottetempo e le informazioni che ha sono quelle che ascolta, di tanto in tanto, al telegiornale.

Però è una signora onesta, premurosa, che “quando c’è da pagare le bollette, si devono pagare”. Anche se la pensione è quella che è e le spese, alla fine del mese, sono tante.

Anna, lunedì scorso, si era alzata di buon mattino, e alle 9 era già arrivata a piedi nella filiale Credem di via Emilia San Pietro, “dove ho il conto corrente da una vita”.

Arrivata in banca per pagare quella rata di condominio tanto sollecitata dall’amministratore, non l’hanno fatta entrare perché sulla base delle restrizioni Covi, in filiale non si può entrare se prima non si è fissato l’appuntamento. Lei però non lo sapeva.

Ma tant’è: fissato l’appuntamento, è tornata sulla strada di casa.“Ero sotto i portici di San Pietro  – racconta la signora Anna – quando una macchina della Polizia Municipale mi ha affiancato: è scesa una vigilessa e mi ha chiesto dove stavo andando. Le ho risposto che ero andata in banca per pagare il condominio. La vigilessa mi ha detto che non potevo andare, che era vietato, perché pagare il condominio non rappresenta un’emergenza, e che mi avrebbe fatto la multa.

Mi ha chiesto i documenti, poi ha stilato il verbale e mi ha detto: “Signora sono 400 euro di multa”.

Anna Rocchi

“Ma come, ho detto: io sono solo andata a pagare il condominio, che male ho fatto?”. Lei mi ha risposto: “Signora è vietato uscire di casa, se non per emergenze. E pagare il condominio non è un’emergenza”.

Le ho chiesto: “E come la pago la multa?”. E la vigilessa: “In banca o in posta, le faremo recapitare la multa rateizzata in due cartelle da 200 euro ciascuno. Buona giornata”. A quel punto la signora Anna, è tornata a casa, choccata da quanto le era appena accaduto e, soprattutto, incredula: “Ma come è possibile prendere una multa così salata, in tempi in cui far quadrare i conti a fine mese è difficile, e solo perché volevo pagare la rata del condominio? Che senso ha? Mi scusi sa – osserva l’anziana – ma che senso ha lasciare aperte le banche se poi ad andarci si rischiano multe del genere?”.

Proprio così: che senso ha?

Be Sociable, Share!

10 risposte a Pensionata va a pagare il condominio, non l’avesse mai fatto
“Una vigilessa mi ha multato: 400 euro. E’ giusto?”

  1. Carlo Menozzi Rispondi

    09/04/2020 alle 11:19

    “In banca o in posta …”. Cosi’ la signora esce e le ridate 400 euro di multa… Ma si può essere piu’ ignoranti di così. VERGOGNATEVI.

  2. Bruna Rispondi

    09/04/2020 alle 13:35

    E un vero abuso di potere.

  3. G.Gamberini Rispondi

    09/04/2020 alle 14:57

    Le disposizioni finalizzate alla protezione dei cittadini,quelle davvero utili,vanno rispettate,ma ormai siamo arrivati ad atteggiamenti inutilmente eccessivi e vessatori.Multare questa povera signora è vergognoso,perchè non ha creato alcun rischio per la collettività recandosi,da sola,a ottemperare ad una scadenza del genere.Io credo,e mi auguro,che quando questa emergenza sarà terminata siano tanti i cittadini che,prima di pagare queste multe,decidono di adire a una consulenza legale se ritengono sia stato commesso un abuso o un eccesso di potere!Che dire poi di tutti quegli altri”zelanti” personaggi che da qualche tempo allertano dal proprio balcone i Vigili Urbani appena squadrano una persona che passa sotto casa senza nemmeno sapere se gira per andare a prendere il pane,il giornale o per qualche altra necessità oggettiva?Ormai questo virus ha contribuito pure a bruciare le sinapsi cerebrali di molta gente!

  4. Silvano Davoli Rispondi

    09/04/2020 alle 15:07

    In queste situazioni bisogna usare il buon senso.
    Summum ius, summa iniuria

  5. Ricardo Boyeros Rispondi

    09/04/2020 alle 15:28

    Molti… e non dico di più… passeggiano a piedi o in bici o vanno a bere birre nei giardini pubblici che non si possono chiudere e nessuno gli fa nulla (lo so che questa gente non pagherebbe mai!!) ma accanirsi su una pensionata anziana che fa fatica arrivare a fine mese è proprio una brutta cosa! Ma abbiamo i vigili che ci meritiamo!

  6. Corra Rispondi

    09/04/2020 alle 18:06

    É così… lasciamo liberi o condoniamo/indultiamo gli assassini e i mafiosi, poi multiamo una pensionata…. che va a pagare l affitto, avanti così…. siamo veramente un paese meraviglioso.Cara vigilessa potresti solo vergognarti.

  7. Bruna Rispondi

    09/04/2020 alle 19:24

    È uscito un comunicato del sindaco che afferma che si tratta di notizia non rispondente al vero. Come la mettiamo?

  8. Bruna Rispondi

    09/04/2020 alle 19:25

    È uscito un comunicato del sindaco che ritiene la notizia parzialmente inattendibile. Come la mettiamo?

  9. Carlo Menozzi Rispondi

    09/04/2020 alle 19:37

    Il sindaco dice che è una balla (lo preferisco al termine fake news, balla è più reggiano).
    Cosa ne dice la redazione?

  10. Pierluigi Rispondi

    09/04/2020 alle 19:53

    Rispondo alle richieste di chiarimento dopo l’intervento su Facebook del sindaco Vecchi, che ha parlato improvvidamente, e in modo stucchevole, di fake new. Confermiamo che l’intervista è vera, e che abbiamo riportato fedelmente le dichiarazioni della signora. Se qualcuno sostiene che è una bugiarda, naturalmente se ne assume le responsabilità. Ma, ammesso e non concesso che la signora avesse interpretato male le affermazioni della vigilessa, il suo riferimento dettagliato all’importo della contravvenzione e alle rate con cui avrebbe dovuto pagarla, significa che le hanno detto che l’avrebbero multata. Non si scappa. Non possiamo peralto escludere che il verbale sia stato compilato e annullato successivamente in autotutela. Altro che fake new…
    Pierluigi Ghiggini

Rispondi a G.Gamberini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *