Mascherine pagate e mai arrivate: anche Bonaccini buggerato dalla Eco.Tech
La Lega vuol vederci chiaro: “Tirate fuori i contratti”

25/4/2020 – Anche la Regione Emilia-Romagna è incappata in quello che è diventato il “mascherinegate” della società Eco Tech di Frascati – ma con base in Cina – messa sotto inchiesta dalla procura di Roma per non aver consegnato 7 milioni e mezzo di mascherine protettive alla Regione Lazio, che in compenso aveva anticipato un terzo della somma, 11 milioni di euro, su un contratto da 30 milioni. In marzo anche le regioni Veneto ed Emilia-Romagna, con l’acqua alla gola, si erano rivolte alla Eco Tech per acquistare i dispositivi di protezione individuale, ossia tute e e colossali partite di mascherine. La Giunta guidata dal governatore Bonaccini aveva inviato un ordine dal valore 24 milioni di euro, con un anticipo di 2,6 milioni, poco più del 10%.

 “Dopo la Regione Lazio, anche la Regione Emilia-Romagna di Stefano Bonaccini è incappata nella trappola delle mascherine, pagate e mai fornite, dalla Ecotech srl? Come Lega abbiamo depositato giorni fa una richiesta per accesso agli atti per sapere se anche la Regione Emilia-Romagna, direttamente o attraverso altri canali (tra cui le Ausl), abbia formalizzato contratti con la Ecotech srl relativi all’approvvigionamento di mascherine Ffp2, Ffp3 e chirurgiche. Tuttavia, ad oggi, non ci è pervenuta risposta alcuna, in quanto dalla Giunta fanno sapere che sarebbero ancora in corso approfondimenti. E come mai, allora, oggi sono emersi dalla stampa fatti precisi e circostanziati? Delle due l’una: o la giunta Bonaccini non è al corrente di quanto essa stessa sta facendo, oppure non ha interesse a dare risposte sulla vicenda. Ora basta: la Giunta tiri fuori le determine per l’approvvigionamento di mascherine e cominci a essere trasparente nei confronti dell’opposizione”. Così il capogruppo della Lega E-R, Matteo Rancan, sulle indiscrezioni di stampa, secondo le quali anche la Regione Emilia-Romagna avrebbe stipulato accordi con Ecotech srl per l’approvvigionamento di mascherine, ad oggi mai arrivate.

Inutile dire che quelle mascherine a Bologna non sono mai arrivate, e la Regione Emilia-Romagna è stata costretta ad annullare l’ordine. Ma l’anticipo? In via Aldo Moro fanno sapere che di tale cifra 1,9 milioni di euro vengono utilizzati per pagare le tute protettive, quasi tutte arrivate. Restano in ballo 700 mila euro, ma le successive forniture di tute (l’ultima è attesa domani) dovrebbero coprire anche la somma residua.

Il capogruppo della Lega in regione Emilia-Romagna, Matteo Rancan

Chi vuole vederci chiaro è il capogruppo della Lega in Regione Matteo Rancan che, fiutato l’imbroglio delle mascherine pagate ma non fornite, alcuni giorni fa ha depositato una richiesta di accesso agli atti “per sapere se anche la Regione Emilia-Romagna, direttamente o attraverso altri canali (tra cui le Ausl), abbia formalizzato contratti con la Ecotech srl relativi all’approvvigionamento di mascherine Ffp2, Ffp3 e chirurgiche“.

Tuttavia – lamenta Rancan – “non ci è pervenuta risposta alcuna, in quanto dalla Giunta fanno sapere che sarebbero ancora in corso approfondimenti. E come mai, allora, oggi emergono fatti precisi e circostanziati? Delle due l’una: o la giunta Bonaccini non è al corrente di quanto essa stessa sta facendo, oppure non ha interesse a dare risposte sulla vicenda. Ora basta – conclude – la Giunta tiri fuori le determine per l’approvvigionamento di mascherine e cominci a essere trasparente nei confronti dell’opposizione”.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *