Lega all’attacco: “Il bazooka di Bonaccini non spara senza revisione Codice appalti”

29/4/2020 – “La situazione è diventata insostenibile ed imbarazzante: la giunta Bonaccini continua con la politica dei proclami senza, tuttavia, muovere un dito per trovare soluzioni efficaci per la ripartenza. Così il consigliere regionale della Lega, Simone Pelloni, che tuona: “Che senso ha parlare di “bazooka da 14 miliardi” se, nei fatti, quei soldi, almeno per tutto il 2020, non possono essere spesi perché l’attuale codice degli appalti non lo consente?”

Il consigliere regionale della Lega, Simone Pelloni

“Oggi la Commissione regionale Bilancio e Affari istituzionali ha bocciato tout court la risoluzione presentata dalla Lega nella quale chiedevamo alla Giunta di attivarsi presso il Governo nazionale affinché venisse adottato urgentemente il “Piano Marshall proposto da Ance” per il rilancio del settore edile, al fine di riavviare e concludere al più presto gli appalti, ridare ossigeno ad un fondamentale comparto economico e facilitare il compito degli amministratori locali. Un piano che, ovviamente, poggiava le proprie fondamenta sulla revisione del codice degli appalti e che, nei fatti, pur essendo a costo zero poteva essere risolutivo per il settore edile. Ebbene, dalla maggioranza Pd è arrivato un secco “no”. Se questa è la via del dialogo e della collaborazione fra forze politiche, di cui si riempie la bocca il governatore Stefano Bonaccini, allora significa che siamo partiti molto male” conclude Pelloni.

BONACCINI: “BAZOOKA DI INVESTIMENTI PER QUASI 14 MILIARDI DA QUI AL 2022

Investimenti per quasi 14 miliardi di euro da qui al 2022, in larga parte fondi pubblici ai quali si aggiungono cofinanziamenti privati. Con opere e interventi cantierabili subito o entro quest’anno per quasi 6 miliardi.  L’Emilia-Romagna è pronta e guarda alla ripartenza sapendo di poter contare su una massiccia iniezione di risorse attraverso la leva pubblica, fondamentale per la politica industriale anticiclica che sarà necessaria dopo il lockdown causato dalla pandemia. Adesso e quando le attività economiche e i servizi, in ogni comparto, potranno riprendere a pieno.

“La nostra regione ha solide fondamenta su cui basare la ricostruzione, risorse mobilitate per quasi 14 miliardi di euro, una mole di investimenti pari al 10% del Pil regionale, opere in gran parte progettate, finanziate e già appaltate- afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini-. Questo grazie a conti in ordine, al lavoro svolto in questi anni per completare progetti fermi da troppo tempo, ad un’attività di programmazione legata all’utilizzo di tutti i fondi disponibili, statali ed europei, insieme a quelli regionali, e alla condivisione delle scelte con territori e parti sociali. Questa drammatica emergenza ci ha già costretto a ridisegnare la nostra vita quotidiana, ma vogliamo ripartire puntando su crescita sostenibile, sanità e welfare, investendo ancora di più sulla rete territoriale dei servizi integrata a poli ospedalieri d’eccellenza, innovazione tecnologica e digitale e nuove modalità e tempi di lavoro”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *