La Lega punge Bonaccini: “Dov’è finito il premio da mille euro per gli operatori sanitari?”
L’assessore Donini giura: soldi presto in busta paga

20/4/2020 – Il bonus da mille euro agli operatori sanitari dell’Emilia-Romagna rischia di essere solo “uno specchietto per le allodole” se il governatore Stefano Bonaccini non approva al piu’ presto la delibera spiegando “quando e a che titolo li stanzierà“.

La Lega torna all’attacco e chiede ancora una volta conto a Bonaccini della promessa fatta prima di Pasqua a medici e infermieri in prima linea contro il coronavirus. “Ora emani la delibera nella quale sia spiegato quando e a che titolo verranno erogati i mille euro a ciascun operatore sanitario”, sfida il Carroccio, che rilancia i dubbi sollevati anche da Anaao-Assomed. 

I consiglieri reggiani della Lega, Maura Catellani e Gabriele Delmonte

Il sindacato dei medici, infatti, avverte che “i mille euro non possono essere erogati a titolo di indennita’ di rischio, la quale andrebbe invece riconosciuta e trattata in sede di Conferenza Stato Regioni, in modo stabile e permanente.

Tant’e’ che, a tal proposito, le organizzazioni sindacali hanno gia’ provveduto a definire regole di massima decisamente stringenti da inserire nei tavoli di contrattazione aziendale”.

Non solo. I consiglieri reggiani della Lega, Maura Catellani e Gabriele Delmonte, riferiscono di aver ricevuto “segnalazioni di alcune Ausl che si sarebbero gia’ apprestate in modo unilaterale a versare una somma, benche’ minima, integrativa dello stipendio gia’ nel mese di aprile”. Per questo chiedono a Bonaccini “estrema chiarezza per quelle che saranno le misure di sostegno alle categorie del settore sanitario, duramente esposte e sotto pressione negli ultimi mesi”. I leghisti vogliono insomma il dettaglio dell’operazione e domandano in particolare se “l’importo del premio sara’ calcolato solo con riferimento al numero degli operatori per ogni Ausl o verranno presi in considerazione altri parametri come, ad esempio, il numero di ricoverati delle varie strutture”. 

L’ASSESSORE DONINI GIURA: I SOLDI PRESTO IN BUSTA PAGA

20/4/2020 – “Basta polemiche su un atto che abbiamo assunto interpretando il sentimento di tutta l’Assemblea legislativa. La delibera è pubblica e per quel che ci riguarda l’unico obiettivo è quello di dare una prima valorizzazione allo straordinario impegno che gli operatori sanitari hanno profuso in queste drammatiche settimane.”

Con queste parole l’assessore regionale alle Politiche per la salute Raffaele Donini risponde al gruppo consiliare della Lega a proposito del riconoscimento economico deciso dalla Giunta regionale a favore dei circa 60mila tra medici, infermieri e operatori del servizio sanitario regionale pubblico, che si tradurrà in un importo di circa mille euro in media a persona.

“Il riconoscimento agli operatori sanitari è stato deciso con l’accordo delle Organizzazioni sindacali. Con gli stessi rappresentanti dei lavoratori – sottolinea Donini –  saranno definite le modalità di attuazione del provvedimento. Gli operatori della sanità emiliano-romagnola avranno presto quanto meritano in busta paga”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *