Fiorini: “Far ripartire subito i cantieri e le opere pubbliche. Già pronti sei miliardi per pagare le imprese, manca la volontà del governo”

15/4/2020 – “Ci sono tutte le condizioni tecniche e sanitarie per far ripartire i cantieri edili in sicurezza per i lavoratori e i cittadini. Ciò che manca è la volontà politica del Governo di dar vita ad un piano di opere pubbliche e di sburocratizzare le procedure di affidamento che frenano lo sviluppo di un settore strategico per la ripresa economica nazionale. Si lavori subito a protocolli di sicurezza specifici per i diversi comparti del settore, dalle imprese artigiane e cantieri di piccole dimensioni alle grandi infrastrutture e opere pubbliche”.

Lo afferma Benedetta Fiorini, deputata reggiana di Forza Italia e segretario della Commissione attività produttive della Camera.

“Per dare una boccata di ossigeno ad un settore in cui operano 500 mila imprese con 2,7 milioni di addetti – sottolinea Fiorini – bisogna pagare i lavori eseguiti con un SAL (stato avanzamento lavori) emergenziale subito e in seguito SAL mensili a regime.

Benedetta Fiorini

Sono disponibili 6 miliardi di euro di risorse già stanziate per i cantieri su tutto il territorio nazionale, che al momento giacciono inutilizzati. Sono soldi destinati proprio alla liquidazione di stati avanzamento lavori per opere già realizzate, quindi già accantonati e disponibili e non fondi aggiuntivi di cui attendere erogazione alle stazioni appaltanti, ma già presenti nelle casse dei vari Enti locali, che però sono inspiegabilmente fermi.

È necessario sbloccarli con la massima urgenza per far ripartire le opere, l’edilizia e tutto l’indotto. Purtroppo – conclude Fiorini – non c’è piena consapevolezza che le infrastrutture e l’edilizia rappresentano un volano imprescindibile per il Paese, per far ripartire filiere vastissime composte da tantissime piccole, medie e grandi imprese italiane”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *