Brescello: in 15 ai funerali del suocero di Francesco Grande Aracri
Tra loro anche due positivi al Covid
Tutti denunciati, anche per epidemia colposa

18/4/2020 – In isolamento perchè positivi al Covid 19, sono egiualmente usciti di casa: i carabinieri di Brescello li hanno sorpresi in un assembramento di una quindicina di persone. E non un assembramento qulsiasi: partecipavano tutti a funerali del suocero di Francesco Grande Aracri, fratello Nicolino, bossdella ndrangheta ionica. Propri il giorno prima l’amministrazione comunale brescellese aveva autorizzato i funerali con la partecipazione di un massimo di 10 persone, ma per rendere omaggio all’anziano suocero di Grande aracri, e al boss medesimo , quell’ordinanza evidentement non è bastata.

Il risultato è che i carabinieri hanno denunciato alla Procura di Reggio una coppia (lui 47 anni, lei 4) sorpresi al funerale nonostante siano entrambi positivi al Covid, per epidemia colposa (sino a 2 anni di carcere) e inosservanza del divieto assoluto di allontanarsi dalla propria abitazione o dimora per le persone in quarantena.

Denunciati anche gli altri 13 partecipanti al funerale, tutti del paese e in età compresa fra i 37 e e i 74 anni: A tutti anche anche la sanzione amministrativa per la violazione dei decreti anti- Covid della Presidenza del consiglio.

I fatti in questione sono stati accertati nello stesso paese – Brescello – dove agli inizi aprile mese era stata denunciata una 34enne uscita di casa in quarantena precauzionale perché aveva avuto contatto diretto con positivi al Covid19. Si tratta comunque delle prime due denunce di positivi in provincia di Reggio Emilia che hanno violano la quarantena obbligatoria ponendo a forte rischio la salute delle altre persone.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *