Agricoltura e turismo: “Fondamentale la reintroduzione dei voucher”

6/4/2020 – “La giunta regionale guidata dal governatore Stefano Bonaccini intavoli un confronto con il Governo, anche in sede di Conferenza Stato Regioni, al fine di riavviare urgentemente a livello parlamentare la discussione sul tema della semplificazione dei voucher per il lavoro in agricoltura e in ambito turistico”. 

È quanto chiedono i consiglieri regionali della Lega, Maura Catellani e Gabriele Delmonte, che sottolineano: “Nelle province emiliano-romagnole, già tragicamente e duramente colpite dal virus, a breve, in occasione dell’avvio delle attività di trapianto dei pomodori, si porrà il serio problema di manodopera. A titolo esemplificativo, in vari territori come Piacenza e Parma, quella del pomodoro è una filiera importante e di eccellenza sia sotto il profilo economico che quello occupazionale. Ma il problema delle difficoltà nel reperire manodopera, sia in agricoltura che nel settore del turismo, riguarda in generale tutto il territorio emiliano-romagnolo”.

In una situazione di emergenza nazionale una radicale semplificazione del voucher “agricolo” potrebbe consentire a cassintegrati, studenti e pensionati lo svolgimento dei lavori nelle campagne in un momento in cui scuole, università, attività economiche ed aziende sono chiuse e molti lavoratori in cassa integrazione potrebbero trovare un’occasione di integrazione del proprio reddito.

I consiglieri leghisti, Maura Catellani e Gabriele Delmonte

“Tuttavia la decisione della Commissione Bilancio del Senato, che ha dichiarato improcedibile l’emendamento per la reintroduzione dei voucher nell’ambito dei lavori per la conversione del decreto legge “Cura Italia” rischia di lasciare presto vuoti gli scaffali dei supermercati” avvertono i consiglieri del Carroccio.

Pertanto nell’atto ispettivo i leghisti chiedono alla giunta regionale “se intenda avviare un confronto con il Governo, anche in sede di Conferenza Stato Regioni, al fine di riavviare urgentemente a livello parlamentare la discussione sul tema della semplificazione dei voucher per il lavoro in agricoltura e in ambito turistico” scrivono Catellani e Delmonte.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Susanna Rispondi

    07/04/2020 alle 06:55

    Indegno. Assumete i lavoratori in agricoltura. Contratto sono 9,97euro lorde orarie. Niente ferie permessi. Malattia. Sotto. Il. Minimo vivibile ma sarebbe qualcosa. Avrebbero almeno calcolo. Giornate lavorate per potere avere diritto ai pochi e scarsi sostegni al reddito. Con i vaucher proprio NULLA
    È chiaro che solo. La GDO detta legge. Che fanno i sindacati? E non mi si venga a raccontare che nessuno vuole lavorare in campagna che sono sfaticati ecc. Ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.