Crolla ponte sul fiume Magra: disastro ad Albiano,
tra Liguria e Toscana
Due feriti, il blocco Covid evita una carneficina

9/4/2020 – E’ crollato come un mucchio di Lego il ponte stradale sul fiume Magra che collega Santo Stefano Magra, in Liguria, ad Albiano in comune di aulla (Toscana). Il disastro è avvenuto poco dopo 10.30, in una giornata di bel tempo, con il corso del fiume tranquillo e fortunatamente con le arterie stradali semideserte per i limiti agli spostamenti imposti dall’epidemia di coronavirus.

Il ponte di Albiano crollato

Due giovani sono rimasti coinvolti nel disasgtro: uno, che viaggiava sul furgone del corriere Bartolini rimasto in bilico su una campata crollata, è stato portato in elicottero all”ospedale di Pisa, ma non sarebbe in pericolo di vita. L’altro, un operatore della Tim, anche lui su un furgone, è riuscito a mettersi in salvo a piedi ed è sotto choc.

Sono ancora in corso i controlli del Vigili del fuoco, intervenuti per isolare la zona: secondo le prime notizie, a causare il crollo sarebbe stata l’esplosione di una conduttura del gas ad alta pressione che corre sotto il ponte. Secondo altrer fonti, il ponte sarebbe collassato e l’esposione sarebbe avvenuta durante il crollo.

Il ponte sulla Magra crollato







Il 3 novembre scorso sul ponte crollato ad Albiano Magra era avvenuto un sopralluogo dei tecnici Anas, da cui dipende l’infrastruttura, dopo che era stata rilevata una crepa sull’asfalto, ingrandita dalle abbondanti piogge. Ma dai controlli fu dichiarato che non sussistevano “condizioni di pericolosità”. A riferirlo è Gianni Lorenzetti, presidente della Provincia di Massa Carrara che alcuni anni fa aveva ceduto la struttura ad Anas.

Il sopralluogo, ricorda, fu fatto alla presenza anche dell’assessore comunale di Aulla e della polizia. Lo stesso Comune rassicurò i cittadini con un post sulla pagina istituzionale informando che “il traffico non avrebbe subito limitazioni”. “Il ponte – aggiunge Lorenzetti – è importantissimo per la popolazione dell’alta Lunigiana, punto di collegamento sia con i primi territori della Liguria sia con il resto della Toscana”.

La ministra delle infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli, sta seguendo la vicenda – secondo una nota del Mit – ha contattato il sindaco del Comune, Roberto Valettini, per accertarsi delle condizioni di salute della persona coinvolta che, stando alle prime informazioni, sembra avere riportato ferite non gravi. La ministra ha inoltre chiesto immediatamente una dettagliata relazione ad Anas, la società che nel 2018 è diventata gestore dell’ex strada provinciale 70, acquisendo la gestione dalla Provincia di Massa Carrara. Gli accertamenti sono in corso e Anas, su richiesta del ministero delle infrastrutture e dei trasporti, provvederà a fornire tutte le informazioni conseguenti sulla viabilità.

“E’ collassato su stesso”. Così il sindaco di Aulla Roberto Valettini ha descritto il crollo del ponte di Albiano Magra. Il ponte è lungo circa 400 metri e alto 7-8 metri circa.

“Se non ci mettiamo SUBITO a lavorare sui cantieri con il piano shock – presentato ormai da molti mesi – ogni anno andrà peggio. E se non lo facciamo in questa fase di crisi vuol dire che ci vogliamo del male. Apriamo questi benedetti cantieri, subito”. Così Matteo Renzi su fb dopo che stamattina è crollato un ponte vicino a Aulla.

“Quanto tempo dovrà ancora passare, e quanti altri crolli dovremo tragicamente ancora vedere, prima che in questo Paese il tema infrastrutture dello Stato venga affrontato con la serietà, le risorse e le competenze necessarie?”. E’ il commento dell’assessore alle Infrastrutture della Regione Liguria Giacomo Giampedrone stamani via fb sul crollo del ponte sul fiume Magra in provincia di Massa Carrara. “Vicini alla Toscana e agli amici di Aulla. La Protezione Civile della Liguria è totalmente a disposizione per qualsiasi necessità che si dovesse verificare per la gestione di questa nuova emergenza” sottolinea.

La Regione Liguria ha offerto “tutto il supporto possibile” alla Toscana attraverso il polo della protezione civile di Santo Stefano Magra che ha pronta una colonna mobile. La Regione Liguria si attiverà anche per valutare i disagi nello spezzino conseguenti all’interruzione “di un collegamento molto importante per la mobilità in zona”.

“In un momento di gravissime difficoltà come quello che stiamo affrontando in tutto il Paese, il crollo del ponte di Albiano è una ferita che assume proporzioni veramente gravi e che ovviamente non interessa la sola Provincia di Massa ma tocca direttamente noi tutti: la rete dei collegamenti in quella porzione di territorio è estremamente connessa con la nostra e serve moltissime aree artigianali e residenziali della nostra Provincia”. Lo afferma il presidente della Provincia della Spezia Pierluigi Peracchini. “Tutta la Provincia della Spezia è partecipe allo sgomento per il gravissimo evento. Anche la nostra Polizia Provinciale e i tecnici del nostro settore Viabilità sono a disposizione dei colleghi della Provincia di Massa per il supporto negli interventi del caso”

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *