Rudy Bellentani responsabile nazionale Energia di Forza Italia

9/3/2020Il professor Rodolfo Bellentani, imprenditore e docente di Reggio Emilia, è stato nominato responsabile nazionale del settore Energia di Forza Italia, all’interno del dipartimento “Ambiente e Territorio”, guidato dalla senatrice Maria Alessandra Gallone.

Su proposta della capogruppo al Senato Anna Maria Bernini, Bellentani è stato indicato dall’on. Giorgio Mulè, portavoce unico dei gruppi parlamentari, per l’incarico di coordinatore di tutte le iniziative del settore energia sul territorio nazionale e promotore di nuovi progetti utili al Paese.

Rodolfo Bellentani

“Ringrazio la senatrice Bernini e l’onorevole Mulè per questo incarico che mi consentirà di mettere la mia esperienza di tecnico in un dipartimento di importanza strategica per la crescita e lo sviluppo del Paese – ha detto Bellentani – Per le imprese e per le famiglie, il costo energetico rappresenta una delle voci principali di spesa; è fondamentale quindi lavorare per la defiscalizzazione di prodotti e servizi dedicati al risparmio energetico, unica via possibile per ridurre il costo dell’energia. Reggio Emilia è all’avanguardia su questi temi e vorrei che la nostra città diventasse portabandiera di un innovativo progresso tecnologico per il Paese”.

Be Sociable, Share!

5 risposte a Rudy Bellentani responsabile nazionale Energia di Forza Italia

  1. Ivan Rispondi

    09/03/2020 alle 16:59

    Complimenti !! e …. buon lavoro ivan strozzi

  2. Ivan strozzi Rispondi

    09/03/2020 alle 17:12

    Complimenti !! e buon lavoro

  3. Umberto Rispondi

    09/03/2020 alle 17:36

    Caspiterina !!!!!

  4. Gabriele Giordani Rispondi

    09/03/2020 alle 18:58

    bravo rudy e buon lavoro

  5. Lino Franzini Rispondi

    09/03/2020 alle 21:52

    Ottima nomina, Ne sono felice, è l’ennesima prova che nel Centro Destra i meriti e le capacità sono determinanti nelle scelte. il settore energetico è fondamentale, ma in Italia molti di sinistra preferiscono che l’energia sia prodotta dai combustibili fossili e non con l’acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *