Emergenza, nuova stretta di Bonaccini
Chiusi tutti i parchi e i giardini pubblici

Passeggiate solo vicino a casa,
in bici solo se davvero necessario


19/3/2020 – 
Nuove restrizioni in Emilia-Romagna per quanto riguarda luoghi di aggregazione come parchi e giardini pubblici e lo spostamento delle persone fisiche. 

Lo prevede l’ordinanza firmata nella serata di ieri dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, varata per contrastare con ancora maggiore decisione la diffusione del coronavirus. L’obiettivo e’ sempre quello di ridurre i contatti tra le persone, principale veicolo di trasmissione del virus.

Il provvedimento vale in tutto il territorio regionale da oggi stesso fino al 3 aprile prossimo. In base all’ordinanza, vengono chiusi al pubblico parchi e giardini pubblici. 

Viene poi limitato l’uso della bicicletta, consentito esclusivamente “per le motivazioni ammesse per gli spostamenti delle persone fisiche”: quindi ragioni di lavoro, di salute o altre necessita’, come ad esempio gli acquisti di generi alimentari. Identica limitazione per gli spostamenti a piedi. Un’unica deroga e’ possibile: se la motivazione e’ legata alla necessita’ di praticare attivita’ motoria – come ad esempio una passeggiata per ragioni di salute, oppure l’uscita con l’animale di compagnia per le sue esigenze fisiologiche – si e’ obbligati a restare in prossimita’ della propria abitazione.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *