Crac En.Cor
Magistrato stanga ex sindaco e assessori: “Siamo sicuri che il Pd non c’entri niente?”

24/3/2020 – E’ arrivata oggi la sentenza della Corte dei Conti, sezione giurisdizionale regionale per l’Emilia-Romagna, che ha condannato l’ex sindaco di Correggio, Marzio Iotti, e l’ex Direttore Generale del Comune, Luciano Pellegrini, a risarcire al Comune i danni causati dalla gestione della ex partecipata En.Cor srl.

Il cancello della En.cor chiuso da una grossa catena

Iotti e Pellegrini sono stati condannati a versare al Comune, in via principale e solido tra loro, a titolo di risarcimento dei danni, la somma di 6.864.008,85 euro oltre interessi e spese, mentre gli ex assessori – in via sussidiaria e, quindi, solo in caso di mancato pagamento da parte dei condannati in via principale – differenti importi ciascuno, da un minimo di 267.86,08 euro ad un massimo di 446.435,153 euro. La posizione di un ulteriore dirigente è stata valutata attraverso la forma del rito abbreviato. Nelle motivazioni della sentenza, la Corte dei Conti ha ritenuto che la condotta dei precedenti amministratori e dirigenti comunali debba ritenersi ascrivibile a grave negligenza ed imprudenza per aver impegnato finanziariamente il Comune senza un’opportuna valutazione dei rischi connessi.

LEGA: “CRAC EN.COR: “MALAGESTIO” AMMINISTRATORI E’ PERSONALE O RICONDUCIBILE AL PD?”
“La sentenza della Corte dei Conti, che ha condannato l’ex sindaco di Correggio, Marzio Iotti, e l’ex Direttore Generale del Comune, Luciano Pellegrini, a risarcire al Comune i danni causati dalla gestione della ex partecipata En.Cor srl, arriva in un momento infausto. Si tratta di una pronuncia di primo grado, e dunque appellabile, dalla quale, però emergerebbero responsabilità dell’ex sindaco di Correggio Marzio Iotti, e del’ex Direttore Generale del Comune, Luciano Pellegrini. Consapevoli e rispettosi del ruolo della magistratura, che farà il proprio corso in ordine alla responsabilità giuridica, sin da ora è comunque necessario approfondire quelli che sono i risvolti politici della vicenda: l’ex sindaco Iotti ed il direttore generale Pellegrini hanno agito per mere intraprendenza personale o, piuttosto, con il conforto e l’appoggio del Partito democratico?”

E’ quanto chiedono i consigliere regionali della Lega, Maura Catellani e Gabriele Delmonte, che sottolineano come “ancor più in questa fase storica, sia importante che il Comune riesca a recuperare le ingenti somme perdute”.

Sulla medesima lunghezza d’onda interviene anche il consigliere comunale del Carroccio, Riccardo Rovesti, che annuncia che “il gruppo Correggio siamo Noi” chiederà la convocazione urgente di una commissione che faccia luce su quanto accaduto” poiché “si tratta di un fatto di interesse fondamentale per la città, per il quale non deve essere ammesso alcun chiaroscuro, quanto la massima trasparenza”. 

I consiglieri regionali reggiani della Lega, Maura Catellani e Gabriele Delmonte

Condividi

Una risposta a 1

  1. fausto Poli Rispondi

    24/03/2020 alle 22:01

    Purtroppo votare chi non e’ controllabile e’ un peccato mortale.E di politici voltagabbana ne abbiamo in Italia un’ enormita’.

Rispondi a fausto Poli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *