Sartoria cinese abusiva in zona stazione: condizioni igieniche precarie, nemmeno gli estintori e un clandestino al lavoro

14/2/2020 -Una sartoria cinese abusiva è stata chiusa da Polizia e Guardia di Finanza in zona stazione a Reggio Emilia. Il blitz mercoledì mattina in unostabile di via IV Novembre: gli agenti del posto dipolizia di via Turri hanno scoperto il laboratorio in un magazzino commerciale a piano terra dove macchinari e utensili erano tra cataste di cartoni con abiti, accessori moda e materiale per irrigazione, il tuto in condizioni igeniche decisamente precarie.

Erano al lavoro diversi cittadini cinesi, e tra questi uno non in regola col permesso di soggiorno. Il pesonale della guardia finanza, chiamato sul posto dagli agenti, ha accertato numerose violazioni delle normative sul lavoro da parte dei titolari, tra cui la mancanza dei dispositivi antincendio, l’omessa redazione del Documento di Valutazione dei Rischi, la violazione sistematica delle norme in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *