Sant’Ilario violenta
Rimprovera ragazzino molesto, barista massacrato di botte dal padre

26/2/2020 – Il gestore di un bar di Sant’Ilario è stato pestato a sangue dal padre di un ragazzino arrogante che importunava i clienti davanti al locale. L’uomo è finito all’ospedale con 15 giorni di prognosi per un importante trauma facciale. L’energumeno è stato individuato dai carabinieri, che lo hanno denunciato per lesioni personali.

Il barista era intervenuto per far allontanare un minorenne che all’esterno del locale dava noia ai clienti. Il ragazzo ha fatto orecchie da mercante e anzi si è piazzato davanti alla porta nonostante la “minaccia” dichiamare il 12. Intanto arrivavano altri due ragazzi a dar manforte al compagno, ponendosi anche loro davanti al bar, motivo per cui il barista usciva nuovamente facendoli allontanare.

Non lo avesse mai fatto: poco dopo è tornato il primo ragazzino, questa volta con suo padre. Questi ha chiamato fuori il gestore, lo ha spintonato a ripetizione, lo ha riempito di pugni in faccia e lo ha colpito a calci anche quando è fintiop a terra. Solo l’arrivo della moglie del barista ha messo fine all’aggressione, e il violento si allontanava.

Il 18 ha portato la vittima al pronto soccorso di Montecchio per le cure. La prognosi, come detto, è di 15 giorni salvo complicazioni per trauma cranico facciale da percosse. Sul posto anche i carabinieri, che hanno anche identificato l’aggressore, denunciandolo alla Procura di Reggio Emilia.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.