Coronavirus, l’Ausl: cosa fare in caso di sintomi sospetti
“Non andate al pronto soccorso, chiamate il medico o il n. 1500”

23/2/2020 – La Direzione Sanitaria dell’Azienda USL di Reggio Emilia avverte che in caso di sintomi sospetti, come febbre e/o tosse è importante non presentarsi di persona, ma telefonare al medico di medicina generale, pediatra di libera scelta,  Servizio di Continuità Assistenziale. Il medico  valuterà poi se effettuare la visita al domicilio. In caso di sintomi importanti chiamare il 118. Le persone con sintomi respiratori non devono recarsi spontaneamente né al Pronto Soccorso né in qualsiasi altro ambulatorio.

Restano valide le misure di prevenzione come lavarsi spesso le mani, coprire bocca e naso con un fazzoletto monouso se si starnutisce o si tossisce, non prendere farmaci antivirali o antibiotici a meno che siano prescritti dal medico, indossare la mascherina solo se si sospetta di essere malati, chiamare il numero 1500 in caso di febbre o tosse e rientro dalla Cina da meno di 14 giorni. 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.