Emilia-Romagna, i contagiati sono 189
Quattro casi casi a Reggio, 35 a Parma, 19 a Modena
Dieci ricoverati in terapia intensiva

29/2/2020 – Sono saliti a 189 i casi di positività al Coronavirus in Emilia-Romagna sulla base di 1.434 test effettuati (erano 1.277 ieri pomeriggio). Lo riferisce la Regione nell’aggiornamento della tarda mattinata.

In sintesi, 119 sono i casi positivi rilevati a Piacenza, 35 a Parma, 19 a Modena, 9 a Rimini, 4 a Reggio Emilia, 2 a Bologna, 1 a Ravenna. 

La maggioranza delle persone positive – riferisce la Giunta regionale – “continua a presentare sintomi modesti come un leggero rialzo della temperatura e più della metà – per l’esattezza 97 – sta seguendo il previsto periodo di isolamento a casa, senza bisogno di ricovero in ospedale. Sono 12 i pazienti asintomatici.

I ricoverati sono 89 compresi “10 pazienti in terapia intensiva”.  Restano per fortuna 2 i casi di decesso.

L’ospedale Maggiore di Parma

Rispetto a ieri pomeriggio, quando i casi positivi erano 145, ci sono dunque 44 casi in più, di cui 30 a Piacenza8 a Parma3 a Reggio Emilia1 a Modena, mente resta invariata la situazione a Ravenna e Rimini. 

Per la prima volta si registrano 2 casi di positività a Bologna.  Va sempre tenuto presente che questi dati provinciali si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi.

Il Santa Maria Nuova di Reggio Emilia

Sempre oggi “si è insediata ed è operativa  l’Unità di crisi regionale sul Covid-19, composta  dal presidente Stefano Bonaccini, che la presiede, dal Prefetto di Bologna (o un suo delegato), dall’assessore alle politiche per la Salute Raffaele Donini, dall’assessore alla Protezione Civile Irene Priolo, dai direttori generali Salute e welfare, dell’Agenzia di Protezione civile, da rappresentanti di Anci e Upi Emilia-Romagna.

Da oggi sono in vigore i nuovi orari del numero verde della Regione per informazioni sanitarie. Si può pertanto telefonare allo 800.033.033 7 giorni su 7, dalle 08.30 alle 18.

Ulteriore aggiornamento da parte della Regione nel tardo pomeriggio. 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *