Selezione “con fotografia”
Sin troppo facile indovinare la vittoria dell’architetto Magnani
La consigliera Soragni prepara ricorsi L’amministrazione: “Tutto in legge e trasparente”

DI PIERLUIGI GHIGGINI

29/1/2020 – Questa mattina la consigliera comunale dei 5 Stelle Paola Soragni ha convocato i giornalisti nel suo studio di avvocato per aprire davanti a loro la prima busta in cui, il 2 gennaio scorso, aveva sigillato un foglio con i tre nomi che dovrebbero vincere le selezioni per altrettati ruoli dirigenziali nel comune di Reggio, come coordinatori di area.

Già la prima previsione si è rivelata azzeccata: l’architetto Massimo Magnani, potente ras dell’urbanistica e dei progetti speciali, dal 2004 ai vertici della macchina comunale, ha vinto meritatamente la selezione per l’area coordinamento territoriale e progetti speciali. Come volevasi dimostrare.

Paola Soragni apre la busta con i nomi dei “predestinati”

Magnani è l’unico ad aver superato la soglia minima di 49 punti nel colloquio attitudinale, conseguendo 64 punti ai quali se ne sono aggiunti 29,30 (praticamente il massimo possibile) per il curriculum. Totale 93,30 punti su 100. Il secondo classificato, Michele Saglioni, si è fermato a 40 punti, ancora più distaccati gli altri concorrenti Matteo Ruozzi, Maria Silva Ganapini e Barbara Calvi.

L’avvocato Soragni, che è stata sin troppo facile profeta (vedremo se lo sarà anche per le altre selezioni, di cui ha già scritto i nomi vincitori in busta chiusa) ha tuttavia sollevato non pochi dubbi, di opportunità e di legittimità.

In primo luogo – ha fatto notare – nell’avviso di selezione pubblica firmato dal nuovo direttore generale del Comune Maurizio Battini, su 30 punti da assegnare per la valutazione del curriculum, ben 20 erano per i “titoli di servizio” attribuendo – così è scritto – “maggior peso a concrete e qualificate esperienze di lavoro attinenti la posizione specifica ricercata, prestate in particolare negli ultimi quindici anni“.

Ora “solo Magnani, chiamato in quel ruolo nel 2004 dal cugino Graziano Delrio e rimasto sempre in quella posizione, con rinnovi successivi del contratto a tempo determinato, era in grado di soddisfare la condizione dei 15 anni”. In altre parole, è come se all’avviso fosse allegata anche una fotografia. E non è un dettaglio, ma una irregolarità bella e buona perchè – ha sottolineato la consigliera 5 Stelle – il limite massimo previsto dalla legge è di 5 anni.

Il foglio sigillato il 2 gennaio con il nome di Massimo Magnani

Altro aspetto riguarda l’uso ritenuto non legittimo dei contratti a tempo determinato che, in base alla legge, nei ruoli dirigenti potrebbe essere applicato solo in circostante eccezionali, e non reiterato più volte. In altre parole, quel posto doveva essere messo a concorso.

“Presenteremo ricorsi all’Anac (agenzia nazionale anti corruzione, ndr.) e alla Corte dei Conti, ma stiamo valutando anche l’impugnazione davanti al Tar proprio l’irregolarità della selezione – dichiara Soragni – senza trascurare il fatto che il comune di Reggio va a confermare dei dirigenti indagati dalla Procura della Repubblica per l’assegnazione degli incarichi esterni. Certamente è una situazione che non fa onore a questa amministrazione.

Non a caso il sindaco Vecchi è apparso impacciato e imbarazzato quando ha risposto alla mia interrogazione in consiglio comunale. Non ha fornito alcuna spiegazione plausibile sul perché sei incarichi dirigenziali, compreso quello vinto da Magnani, vengono assegnati su selezione e colloquio attitudinale e non messi a concorso. Anzi ha dichiarato in modo sorprendente che la relazione del Mef (ministero economia e finanze) non è legge. Però si è dimenticato che il testo unico del pubblico impiego è legge, e va rispettato”.

Ieri, intanto, si è svolta la selezione per il coordinatore dell’area cultura: la consigliera Soragni scommette che a vincere sarà Giordano Gasparini.

LA REPLICA DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI REGGIO: TUTTO TRASPARENTE E SECONDO LA LEGGE

In merito alla selezione di sei dirigenti comunali, coordinatori di area, a tempo determinato, in corso tramite procedura comparativa, si precisano alcuni temi.

Nelle varie fasi – delibera, bando di selezione e attività di selezione dei candidati da parte dell’apposita Commissione:

1) si sono tenuti pienamente in conto le indicazioni di legge e i rilievi mossi dal ministero dell’Economia e della Finanza (Mef), che – si sottolinea – non riguardano le selezioni attualmente in corso, bensì procedure selettive avvenute in anni trascorsi.

Il percorso selettivo per ciascuna delle figure di coordinamento d’Area è robusto e trasparente, è stato messo a punto con il segretario generale, responsabile della trasparenza e dell’anticorruzione.

Si ricorda che le Commissioni delle attuali selezioni – oltre che dal direttore generale e dal segretario generale del Comune – sono composte da esperti, compresi fra questi segretari generali e direttori generali di altre città.

2) Non risponde al vero che si sia limitato l’accesso alle selezioni. Al contrario, per la prima volta anche per i coordinatori di Area si sono applicati i criteri minimi previsti dalla legge nazionale, al fine di consentire la più ampia partecipazione possibile.

3) Sia il bando sia la delibera di giunta prevedono una durata contrattuale di tre anni rinnovabili di due anni. Quindi non si tratta di contratti quinquennali.

4) L’utilizzo dell’istituto dell’articolo 110 (dirigenza a contratto a tempo determinato) sta avvenendo nel pieno rispetto dei parametri di legge.

5) L’esperienza è sicuramente uno degli elementi principali di valutazione al fine di selezionare figure dirigenziali chiamate a ruoli di pianificazione strategica, progettazione, gestione di progetti assai rilevanti anche sul piano economico e coordinamento di centinaia di dipendenti, in un Comune capoluogo di provincia, che amministra una città di oltre 172.000 abitanti.

6) Si conferma che concorsi per dirigenti a tempo indeterminato saranno indetti dal Comune di Reggio Emilia nel corso dell’anno.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *