Questa non è satira
Bonaccini “avvia il percorso” per riaprire i punti nascita, e convoca i sindaci tre giorni prima delle elezioni

DI PIERLUIGI GHIGGINI

14/1/2020 – La Giunta Regionale ha annunciato ufficialmente l’inizio del “percorso istituzionale” per la riapertura dei punti nascita degli ospedali di Castelnovo Monti, Pavullo del Frignano, Borgotaro e Alto Reno Terme. E al fine di sottolineare la tempestività dell’intervento, Bonaccini ha fissato l’incontro i sindaci interessati per giovedì 23 gennaio: tre giorni prima delle elezioni regionali.

Per non perdere del tutto la faccia, la mossa è stata concordata con il ministro della salute Speranza, che ieri a un convegno dello Spi Cgil ha casualmente annunciato la revisione del decreto legislativo 70 e dei parametri per i punti nascita.

Una protesta di Salviamo le Cicogne davanti alla Provincia

Appiglio indispensale a Bonaccini per giustificare la marcia indietro alla vigilia delle elezioni, dopo aver chiuso i centri nascita costringendo le madri della montagna a partorire a 70 chilometri di distanza, e soprattutto perseverando nell’errore.

Verrebbe da sorridere per la maldestra capitolazione del governatore uscente, se non fosse che la decisione alla fine merita un brindisi: sancisce la vittoria delle Cicogne di Castelnovo Monti e del vasto movimento trasversale che da anni si batte per la riapertura del punto nascita dell’ospedale Sant’Anna, scontrandonsi con l’ostilità della Regione, dei vertici Ausl e del Pd che comanda dappertutto.

Ma ecco come la Giunta regionale ha annunciato oggi la ritirata strategica sui punti nascita: un capolavoro di precario equilibrismo

“Il percorso istituzionale per la riapertura dei punti nascita negli ospedali di Alto Reno Terme (Bo), Pavullo nel Frignano (Mo), Castelnuovo né Monti (Re) e Borgo Val di Taro (Pr) è già ufficialmente partito, con l’obiettivo di accelerare al massimo i tempi. 

Dopo il via libera annunciato ieri dal ministro per la Salute, d’intesa col Presidente della Regione Emilia-Romagna, è già stato calendarizzato per giovedì della prossima settimana il primo incontro tra Governo, rappresentato dalla Sottosegretaria di Stato alla Salute, e le Istituzioni locali coinvolte, rappresentate dal Presidente della Regione, dall’assessore regionale alla Salute e dai sindaci dei Comuni di Alto Reno Terme (Bo), Pavullo nel Frignano (Mo), Castelnovo Monti (Re) e Borgo Val di Taro (Pr). 

Obiettivo dell’incontro è quello di avviare immediatamente le procedure per riaprire quei punti nascita in applicazione delle disposizioni nazionali contenute nel Patto per la Salute sottoscritto tra Governo e Regioni”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *