“Con i biglietti delle partite di Champions ai politici Iren ha toccato il fondo
Presenteremo un nuovo esposto alla Consob”

di Mario Guidetti, Fabio Zani e Francesco Fantuzzi*

15/1/2020 – La notizia secondo cui Iren avrebbe acquistato biglietti per due stagioni (2015/2016 e 2016/2017) per diverse partite di Champions League al Juventus Stadium di Torino rappresenta, per i Piccoli azionisti, l’ultima goccia in un oceano ormai sterminato di sponsorizzazioni e prebende.
Da anni denunciamo questa politica sempre più aggressiva e capillare dell’azienda, culminata con l’ennesima sponsorizzazione del concerto di fine anno a Reggio Emilia, ed è il momento di mettere un freno. 

Da anni richiediamo il dettaglio delle erogazioni e sponsorizzazioni erogate dal gruppo, pari nel solo 2018 a quasi 10 milioni di euro, ma questo non è mai stato fornito, così come la mancata dichiarazione di operazioni con parti correlate.Da anni ci domandiamo se simili erogazioni e sponsorizzazioni siano compatibili con l’oggetto sociale di Iren SpA.
Saremo dunque costretti, per la seconda volta, a rivolgerci alla Consob per segnalare le anomalie sopra evidenziate e chiedere che la stessa si pronunci.

Anche al governatore uscente Stefano Bonaccini biglietti per la Juventus gentilmente offerti da Iren

Abbiamo appreso ieri dalla stampa di non essere soli in questo importante lavoro di trasparenza, ma di aver trovato un qualificato e inaspettato compagno di viaggio: infatti, anche l’ex Vice presidente Ettore Rocchi avrebbe presentato esposto per la questione biglietti a Torino.
Un’importante conferma della fondatezza delle nostre richieste.
Iren è privata quando si tratta di sfruttare i beni comuni, di erogare dividendi e sponsorizzazioni, ma pubblica quando determina le tariffe: ebbene, ciò non è più tollerabile.
*Piccoli azionisti Iren 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *