Elezioni regionali
Sette candidati per un presidente
Ora l’Emilia-Romagna è davvero contendibile

28/12/2019 -Scaduto il termine alle 12 di oggi, ora le candidature alla presidenza della Regione Emilia-Romagna e le liste circoscrizionali che correranno il prossimo 26 gennaio sono depositate rispettivamente presso la Corte d’Appello di Bologna e le cancellerie dei tribunali dei capoluoghi di provincia.

Ben sette i candidati per la carica di presidente, ma com’è noto la corsa si concentra sul governatore uscente Stefano Bonaccini e la candidata del centro-destra, indicata da Salvini, Lucia Borgonzoni. E per la prima volta, la regione che era “la rossa” per eccellenza, ora è davvero contendibile.

Stefano Bonaccini eLucia Borgonzoni

Oltre a loro, sono candidati alla presidenza, Simone Benini per il Movimento 5 Stelle, Stefano Lugli della lista L’altra Emilia Romagna, Marta Collot di Potere al Popolo, Laura Bergamini del Partito Comunista e Domenico Battaglia del Movimento Vaccini-Vogliamo-Verità.

Stefano Bonaccini, modenese, 52 anni, è appoggiato oltre che dal Pd anche da Europa verde, Più Europa, Emilia Romagna Coraggiosa e Volt Emilia Romagna. Il presidente uscente punta parecchio anche sul risultato della sua lista Bonaccini Presidente che mette insieme anche moderati e centristi, tnto da provocare pesanti polemiche anche all’interno della coalizione di centrosinistra, come nel caso dell’imprenditore Carlo Fagioli candidato a Reggio. Ma ciò che imbarazza maggiormente la coalizione è la scelta di Bonaccini per campagna di propaganda tutta giocata sul colore verde (leghista?) e soprattutto senza simbolo del Pd, il suo partito.

La senatrice Lucia Borgonzoni, di Bologna, 37 anni, professione designer, è sostenuta dal centro destra compattocon le liste della Lega, di Fratelli d’Italia e di Forza Italia, più Popolo della famiglia e Giovani per l’ambiente. Anche lei, inoltre, ha una propria lista civica: Lucia Borgonzoni presidente. News dell’ultim’ora: Serena Grandi non sarà candidata con la Lega, mentre scende in campo il critico d’arte Vittorio Sgarbi per Forza Italia.

49 anni, forlivese, Simone Benini porta la bandiera del Movimento 5 Stelle: una candidatura, la sua, designata dalla piattaforma web Rousseau dopo che gli stessi utenti avevano bocciato l’ipotesi di non correre in Emilia Romagna.

Rifondazione Comunista, Partito Comunista Italiano e Partito del Sud appoggiano la lista L’Altra Emilia Romagna del 45enne modenese Stefano Lugli. A sinistra ci sono anche Potere al Popolo che propone la giovane Marta Collot, 26 anni, di origini trevigiane, mentre il Partito Comunista che punta sulla 59enne parmigiana Laura Bergamini.

Domenico Battaglia (lista Vaccini -Vogliamo la Verità) è un medico ferrarese di 46 anni.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. fausto Poli Rispondi

    28/12/2019 alle 22:27

    Lista no vax.

Rispondi a fausto Poli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.