Risse e rapine,72 ore da dimenticare
Basta rassegnazione, basta tolleranza

DI CRISTINA FANTINATI*

Un’intera famiglia di ladri in azione a Guastalla per rubare il portafoglio ad un 82enne; due georgiani, con regolare passaporto, che entrano incappucciati in un condominio di Reggio per fare razzia; l’invalido rapinato da una prostituta, sempre a Reggio; l’ubriaco che a Castellarano aggredisce i clienti di un bar e poi i carabinieri; e, come una triste ciliegina su una torta decisamente indigesta, la rissa tra italiani e stranieri davanti a un bar in piazza Vittoria nel capoluogo.

Cristina Fantinati

C’è questo, e anche tanto altro che per brevità non elenchiamo, nel bilancio in rosso della sicurezza sul territorio reggiano nelle ultime 72 ore.

Il solito mix di buonismo, sottovalutazione e menefreghismo della sinistra, nella speranza che i problemi si risolvano da soli, ha portato ad una situazione che in queste ultime ore è parsa davvero fuori controllo.

Al di là della solita disquisizione sulla percezione di insicurezza, un insieme di affermazioni senza senso di fronte a bande che regolano i propri conti a bottigliate in pieno centro e in pieno giorno, la sinistra non ha ricette da proporre.

Occorre rafforzare il lavoro encomiabile delle forze dell’ordine, trovare formule che sappiano disincentivare questi comportamenti con una azione energica.

L’atteggiamento passivo degli amministratori del Pd sul tema della sicurezza, incarna una sconcertante rassegnazione che non possiamo più permetterci di tollerare. Ci penseranno i cittadini a cambiare la situazione, non votando più chi accetta questo stato di cose.

*Commissario Provinciale Forza Italia, capolista a Reggio Emilia

Condividi

Una risposta a 1

  1. Intestino crasso dopo il cenone Rispondi

    01/01/2020 alle 11:02

    NOOooo micavero.. a Peggio si sta benissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *