Reggiana-Piacenza 2-2
Primo tempo da leoni, poi i granata si perdono

2/12/2019 – Occasione, l’ennesima, purtroppo, sprecata per la Reggiana che sul terreno amico del Mapei Stadium si fa clamorosamente rimontare nel derby del Po con un Piacenza peraltro mai domo.

Qualcuno ha definito questo pareggio, 2 – 2, una mezza sconfitta; nulla di più vero perchè quando si devono trangugiare questi amarissimi bocconi il bicchiere appare desolatamente mezzo vuoto soprattutto perchè dopo un gran bel primo tempo siglato da un 2-0 che andava addirittura stretto alla Reggiana, subire nella seconda frazione di gioco la rimonta del Piacenza fa davvero male, molto male.

Peccato, perché nel primo tempo la Reggiana gioca bene, domina il campo con autorevolezza costruendo due occasioni e due gol nel primo quarto d’ora con pure l’aiuto della dea bendata sulla prima marcatura: infatti il tiro di Varone viene deviato da Martinelli da pochi passi, che mette fuori causa il Nazionale Under 21 Del Favero. C’è da dire che c’erano anche quattro giocatori in fuorigioco sul tiro di Varone, dato che lo stesso Martinelli unito a Rozzio, Kargbo e Marchi erano oltre la linea dell’ultimo difensore piacentino. Offside che il guardalinee Daisuke Emanuele Yoshikawa di Roma, sì, sì proprio così, Daisuke Emanuele Yoshikawa, non ha reputato necessario fischiare.

Arriviamo al secondo gol con: Espeche che lancia lungo, l’uscita di Del Favero dall’area fa sì che il pallone arrivi sui piedi di Radrezza che, dai 30 metri, produce un delizioso pallonetto che porta la Reggiana sul risultato di 2-0.

Il Piacenza guadagna campo, i granata non affondano il coltello, viziaccio questo fino ad ora endemico della truppa granata e la partita rimane aperta; e nel secondo tempo i nodi vengono al pettine.

All’11’, Martinelli ed Espeche si scontrano, Paponi che con assoluta freddezza segna.

Poi il finale di gara. Il gol di Della Latta a oltre tre minuti dal 90’ che ha gelato le speranze di vittoria dei granata (un 2-2 per un match che mancava da 22 anni, strane coincidenze dei numeri). 

Ora testa a Verona.

Nota positiva il ritorno in campo di Alessandro Spanò a distanza di quasi un mese, infortunio il 3 novembre con la Sambenedettese.

In classifica i granata sono ora al quarto posto insieme al Sudtirol con 32 punti, dietro a Vicenza (39), Carpi (35) e Padova (33).

Il tabellino

Reggiana – Piacenza 2-2 (parziale)

Marcatori: pt Martinelli (R) al 2′, Radrezza al 15′; st Paponi all’11’, Della Latta al 43′.

Reggiana (3-4-1-2) Narduzzo; Martinelli (26′ st Spanò), Rozzio, Espeche; Kirwan (40′ st Haruna), Varone, Rossi (40′ st Favale), Zanini (26′ st Libutti); Radrezza (33′ st Staiti); Marchi, Kargbo. A disposizione: Voltolini, Santovito, Muro, Brodic. Allenatore: Massimiliano Alvini.

Piacenza (3-5-2) Del Favero; Della Latta, Milesi, Pergreffi; Sestu (30′ st Cattaneo), Bolis (38′ pt Imperiale), Marotta, Corradi, Zappella; Cacia (30′ st Sylla), Paponi. A disposizione: Bertozzi, El Kouakibi, Ansaldi, Borri, Nannini, Giandonato, Nicco, Forte. Allenatore: Arnaldo Franzini.

Arbitro: Nicolò Marini di Trieste (Daisuke Emanuele Yoshikawa e Giorgio Rinaldi di Roma 1).

Note – Spettatori 6.728. Incasso di 37.614,67 Euro. Ammoniti Espeche, Pergreffi e Kargbo. Angoli 8-3 per il Piacenza.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.