Mackie Messer 2020
La veridica storia di ESM spiegata al popolo tradito
Mostra i denti il pescecane, e si vede che li ha

DI VILFREDO PARIATI

3/12/2019– O viandante distratto, giovane o anziano o vedovella minorenne, comunque imbambolati dal mainstream televisivo così sapiente nel confezionare e spargere caramelle intrise di tossici assenzi mentali, oggi voglio metterti in guardia e raccontarti la favoletta ESM, ovvero di quel Meccanismo europeo di stabilità che si vuole far ingurgitare con letizia al popolo bue, ma non per colpa sua, e tradito. Per questo ti invito a rallentare il passo frettoloso, a fermarti qualche istante e ascoltare il mio racconto.

Chiedo venia: non favoletta, bensì fosca tragedia europea che parrebbe concepita dal novello Mackie Messer di una moderna Dreigroschenoper, in un Moritat da far impallidire per quantità e qualità di eventi crudeli quello scritto da Herr B.B. novantuno anni fa.

Ordunque: gli Esm nell’Unione europea ci sono stati con sistema bancario decotto e titoli di Stato apparentemente in salute, a dispetto magari della sofferente economia interna e di una bilancia commerciale fuorilegge, che si fa finta di non vedere a Bruxelles e Francoforte.

Poi hanno operato, tali Esm, con sistema bancario relativamente sano e titoli di Stato apparentemente in pessima salute a causa dell’elevato debito pubblico, ma con fondamentali di Stato robusti come nessuno, in caso di crisi sistemica, grazie a riserve auree e ad altri beni tangibili. Perché da questi si attinge se salta tutto, niente finanza creativa digitale…

Oltretutto in un certo paese disprezzato come canaglia, in particolare, vige l’affronto di essere poco debitodipendenti dall’estero, in quanto la maggior parte di tal debito è detenuto da virtuosa gente della Nazione.

Ma cosa fa, come funziona il rinnovato meccanismo ESM? Premia i primt, quelli dal sistema bancario decotto e bilancia commerciale fuorilegge, a dispetto dei secondi, quelli della gente viruosa.

ESM interviene sul fondo salvabanche per sanare delitti finanziari (forse anche, sic!) di Stato, tipo Germania o Francia. Ma se uno Stato, diciamo Italia, rischia di saltare a causa di pure speculazioni avverse (perché Italia non può saltare realmente per via delle immani garanzie tangibili di cui sopra) allora ESM, o se volete Commissione UE, costringe Italia a usare le CAC per ripudiare il debito e fregare in un sol colpo investitori local detentori di debito italiano, guarda caso risparmiatori e banche del posto.

In un sol colpo: totale perdita di sovranità, mercati avversi, sistema bancario devastato e fregati i risparmiatori più diligenti fra tutti in UE. I quali come cittadini stratartassati sono anche la principale fonte dei fondi dell’ESM che intervenendo sul salvabanche, che banche salva? Ma quelle tedesche e francesi, of course!

La Grecia non e’ lontana… A proposito: date uno sguardo al Delta spread fra Portogallo e Italia e Grecia e Italia: siamo lì… Eppure non ha senso, non esiste, non può esistere!

I signori al potere che hanno per Bibbia la Costituzione dovrebbero alzare mani e testa circa gli impatti dell’ESM sul risparmio costituzionalmente garantito, per evitare la farsa parlamentare dei tempi del bail in.

C’erano una volta i mercati razionali … Oggi c’è solo una finanza senza Dio che ci vuole nuovi schiavi d’Europa. Vigilare, vigilare, vigilare, anche sui sistemi di vigilanza! In Giuseppi We Trust!

Gualtieri, il premier Conte e Di Maio
Be Sociable, Share!

2 risposte a Mackie Messer 2020
La veridica storia di ESM spiegata al popolo tradito
Mostra i denti il pescecane, e si vede che li ha

  1. Sergio Rispondi

    03/12/2019 alle 17:34

    Tragico ma vero.

  2. Bruna Rispondi

    03/12/2019 alle 19:54

    Sono TUTTI distratti da altro. Quando invece tutti questi trattati internazionali di natura finanziaria dovrebbero essere sviscerati ( e rispediti al mittente ) vista la loro natura puramente speculativa ( alias vampira). Gli ex stati sotto scacco nel sistema finanziario Ue.Ma ripeto sono tutti distratti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *