Tragedia al villaggio Stranieri: giovane con problemi psichiatrici uccide lo zio nel sonno con 5 coltellate
“Avevo paura di lui, ho sentito una voce…”

21/11/2019 – Omicidio questa notte in una famiglia del Villaggio Stranieri a Reggio Emilia: un giovane di 27 anni, Davide Gaudiero, in cura da otto anni per problemi psichiatrici e seguito dai servizi sociali , ha ucciso a coltellate lo zio Paolo di 57 anni, che viveva in casa con lui e con il padre del giovane, disabile.

La tragedia è avvenuta intorno alle 5.30 nell’appartamento, in viale Primo maggio. Il ragazzo si sarebbe alzato e sarebbe andato in camera dello zio pugnalandolo mortalmente cinque volte al cuore. Fermato, il 27enne è ora in ospedale per accertamenti. Lì ha potuto parlare con il suo avvocato, Tommaso Lombardini. In corso le indagini la Polizia.

Agenti di Polizia presidiano l’ingresso dello stabile dov’è avvenuto l’omicidio

DAVIDE GAUDIERO INTERROGATO DAL PM: “HO SENTITO UNA VOCE

Il pm Isabella Chiesi ha già interrogato Davide Gaudiero, il giovane con problemi psichiatrici che questa notte ha assassinato lo zio Paolo (fratello del padre Ciro Gaudiero, di 59 anni) che viveva con loro. Ha raccontato di aver colpito lo zio (cinque coltellate) perch’ spinto in modo irrefrenabile da una “voce”. tra le 4 e le 5 è andato in cucina, ha preso un coltello , è entrato nella camera dove dormiva lo zio, e ha infierito su di lui con cinque coltellate. Ha detto di essere dispiaciuto per quello che ha fatto, ma che si sentiva minacciato dallo zio. E’ stato il padre Ciro, disabile in sedia a rotelle, a dare l’allarme alla polizia.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.